Ultimo aggiornamento  18 agosto 2019 03:30

Google Maps, in arrivo le colonnine.

Sergio Benvenuti ·

I possessori di un'auto elettrica ora potranno ottenere preziose indicazioni stradali per raggiungere la stazione di ricarica più vicina: nelle prossime settimane, nel sistema del famoso servizio di navigazione Maps di Google (in versione mobile, iOS e Android, e desktop per pc), saranno implementate le colonnine di Gran Bretagna, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia.

Come funziona

Agli utenti basterà eseguire una ricerca dettagliata - anche con un comando vocale - utilizzando le parole chiavi "ricarica ev" o "stazioni di ricarica ev". A quel punto verranno visualizzati i distributori di energia più vicini con alcune informazioni importanti: quali tipi di porta sono supportate, la velocità di emissione e il numero di prese a disposizione. Ci sarà anche la possibilità di vedere foto, valutazioni e recensioni dei punti di ricarica lasciate da altri utenti.

Sfortunatamente non si potrà verificare in tempo reale se e quali stazioni siano occupate per evitare di raggiungere inutilmente un punto di ricarica già in servizio.

Quali aziende partecipano

Le società che partecipano sono Tesla, Chargepoint, Chargemaster, Pod Point, SemaConnect, EVgo, Blink e Chargefox. "Indipendentemente dal mezzo che si usa, Maps ha l'obiettivo di aiutare gli utenti. La nostra nuova funzione a breve offrirà informazioni utili e più dettagliate sulle stazioni di ricarica, ovunque tu sia diretto", dice in un comunicato Google. Tom Callow, direttore della comunicazione di Chargemaster, ha dichiarato: "Collaborare con Google Maps ci aiuta a rendere la guida elettrica facile, intuitiva e dinamica".

Tag

Auto Elettrica  · Colonnine elettriche  · Google  · Google Maps  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il sindaco Matteo Ricci chiede al colosso della navigazione online di includere anche le due ruote tra i mezzi di trasporto per il calcolo dei percorsi, a cominciare dalla sua...

· di Valerio Antonini

La start up tedesca (con sede in California) ha creato un sistema per la guida senza conducente che memorizza i dati di navigazione sul cloud. Funziona con la realtà aumentata

· di Paolo Odinzov

Le case tedesche, nell'ambito del progetto di ricerca FastCharge, hanno realizzato in via sperimentale una stazione di ricarica della potenza fino a 450 kilowatt

· di Patrizia Licata

L'ultimo acquisto è una donna ingegnere di Waymo: precedentemente aveva lavorato anche alla Nasa sul progetto che ha portato un rover su Marte