Ultimo aggiornamento  19 settembre 2019 11:12

Seat con Snam a tutto metano.

Francesco Paternò ·

Per la Seat guidata da Luca de Meo, il metano è e sarà un'energia di "transizione verso l'elettrico puro per i prossimi 10-15 anni", viste le sue caratteristiche di basso impatto ambientale e di economicità per l'utente finale. Per questo, Seat e Snam, leader europeo nelle infrastrutture gas, hanno firmato un accordo a Milano - definito "strategico" dal costruttore del gruppo Volkswagen - con l'obiettivo di promuovere il tipo di energia per una mobilità sostenibile.

Lotta all'inquinamento

A fianco dell'elettrificazione, cui il gruppo tedesco crede fortemente al punto da investirci 44 miliardi di euro entro il 2022, il metano è considerato da Seat una opportunità nel momento in cui le regole sulle omologazioni dei motori sono sempre più stringenti. Il metano è gas esistente in natura, produce la stessa CO2 del diesel ma abbatte dell'85% il NOx. Meglio ancora fa il biogas, su cui - per de Meo - l'Europa deve fare e investire di più.

In Italia la Seat già vende il 20% della sua gamma a metano, dispone di 4 modelli, primo marchio in Europa per questo tipo di alimentazione. Snam ha creato in Italia la prima rete di distribuzione con 1.200 punti, in prevalenza al centro nord.

Tag

Europa  · Metano  · Seat  · Snam  · 

Ti potrebbe interessare