Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2018 09:43

Incentivi auto, proposti fino a 6mila euro.

Marina Fanara ·

Fino a 6.000 euro di contributo per la rottamazione di una vecchia auto e l'acquisto di un nuova vettura: è quanto hanno proposto i deputati del Movimento 5 Stelle che siedono in commissione Trasporti della Camera.

Emendamento in Manovra

Prima di continuare il suo iter legislativo, la misura presentata sotto forma di emendamento alla Manovra attualmente all'esame della commissione Bilancio di Montecitorio, dovrà innanzitutto superare il requisito dell'ammissibilità, così come per gli altri 3.700 emendamenti di varia natura richiesti dai parlamentari di maggioranza e opposizione.

Si tratta comunque di una proposta in linea con l'obiettivo di incrementare la mobilità sostenibile e la diffusione di auto a zero emissioni già fissato nel Contratto di Governo. Non a caso anche gli esponenti della Lega hanno presentato un'analoga proposta, ma fissando il contributo a un massimo di 1.000 euro.

Gli incentivi allo studio

Tornando all'emendamento dei 5 Stelle, l'idea è quella di concedere un aiuto economico decrescente in base alla classe inquinante del veicolo da rottamare: più vecchia è l'auto, più alto il contributo. In dettaglio: massimo di 6.000 euro per una Euro 0, 4.000 euro per un'Euro 1, 3.000 euro per un'Euro 2 o 3.

Al momento, però, i legislatori non hanno ancora chiarito su quali tipologie di mezzi si dovrebbe applicare l'incentivo. Per esempio, non è stato specificato se il contributo per la rottamazione è solo sui vecchi diesel o per tutti i tipi di alimentazione e, parallelamente, se è condizionato all'acquisto di un nuovo esemplare esclusivamente elettrico o anche gasolio, benzina, metano e Gpl.

 

 

Tag

Governo  · Incentivi  · Mobilità sostenibile  · Rottamazione  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La Commissione Bilancio della Camera approva il bonus-malus ecologico: aiuti economici per auto a batteria, ibride e metano e tasse fino a 3.000 euro su quelle più inquinanti. I...

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Il ministro dell'Ambiente guida la battaglia a plastica ed emissioni. Via libera all'auto elettrica. La strategia trova la sponda del dicastero delle Infrastrutture. Ora i fatti.