Ultimo aggiornamento  24 luglio 2019 10:27

Giappone, trasporto pubblico con robotaxi.

Giovanni Passi ·

La Prefettura di Aichi, distretto a sud del Giappone, ha testato con successo due veicoli a guida autonoma lungo un percorso urbano di 1,5 chilometri. L'iniziativa ha finalità sociali: l'amministrazione locale ha intenzione di lanciare un servizio navetta totalmente driverless, attivo nei parchi pubblici e per il trasporto di anziani e disabili in aree urbane scarsamente popolate.

L'esperimento, promosso dalle autorità governative locali, è stato condotto da otto aziende nipponiche - tra cui la compagnia di telefonia mobile Kddi -  e dai ricercatori e studenti dell'Università di Nagoya, capoluogo della regione.

100% autonome

Per il test sono stati utilizzati un minivan e una "golf car", il mezzo utilizzato per muoversi sul green tra una buca e l'altra. Il tratto stradale interessato, chiuso al traffico per motivi di sicurezza, toccava diversi punti d'interesse della citta di Nagoya, quotidianamente collegati da una linea autobus del trasporto pubblico locale. 

I "robotaxi" hanno proceduto a una velocità impostata di 7 chilometri orari, 30 metri l'uno dall'altro. Il software ha gestito direttamente i comandi delle due auto robot, senza alcun intervento da parte dell'uomo. In caso emergenza o di ostacoli non rilevati lungo il percorso, gli operatori sarebbero potuti intervenire da remoto sui freni per arrestare le vetture.

Tag

Autonome  · Giappone  · Robotaxi  · 

Ti potrebbe interessare