Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 12:05

Carlos Ghosn arrestato in Giappone.

Lina Russo ·

Carlos Ghosn - presidente e amministratore delegato di Renault-Nissan-Mitsubishi - è stato arrestato a Tokyo e starebbe per essere licenziato dal costruttore giapponese. L'accusa sarebbe quella di aver deliberatamente dichiarato il falso riguardo i propri compensi e sul bilancio aziendale. 

Inchiesta interna

Secondo un comunicato ufficiale di Nissan, il costruttore giapponese avrebbe condotto nelle ultime settimane una inchiesta interna che riguarderebbe non solo Ghosn ma anche un altro alto dirigente Greg Kelly: i due sarebbero accusati di aver utilizzato anche fondi aziendali per scopi personali. L'indagine avrebbe preso il via dalle dichiarazioni di un "whistleblower". Per entrambi si parla di licenziamento immediato.

La notizia è stata rilanciata per primo dal sito del quotidiano giapponese Asahi che non ha citato tuttavia la fonte. Secondo le indiscrezioni provenienti da Tokyo, Ghosn si sarebbe presentato spontaneamente alle autorità inquirenti per chiarire la propria posizione e anche il quartier generale di Nissan sarebbe stato perquisito. Alla Borsa di Parigi il titolo Renault è in calo di circa il 12%. 

 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il tribunale di Tokyo ha accolto la richiesta degli avvocati del manager della Alliance. Cauzione fissata a 1 miliardo di yen (circa 7,8 milioni di euro). La scarcerazione forse...

· di Giovanni Barbero

Il gruppo francese ha perso pur immatricolando più auto (3,9 milioni di unità +3,2%). All'interno dell'Alleanza, male il profitto netto di Nissan (-76,6%). Niente liquidazione per...

· di Edoardo Nastri

I ceo dei tre gruppi si mettono al volante dell'Alleanza, che "non è in dubbio": le decisioni del primo vertice con il numero uno Ghosn ancora in carcere in Tokyo

· di Paolo Borgognone

Il consiglio di amministrazione del costruttore giapponese ha deciso all'unanimità di sostituire il manager arrestato in Giappone con l'attuale ceo Osamu Masuko

· di Paolo Borgognone

Il top manager, ora in carcere, è stato licenziato all'unanimità. A scegliere il suo successore sarà un comitato di tre persone. Aspettando le reazioni della borsa

· di Redazione

Il 64enne numero uno dell'Alleanza Renault - Nissan - Mitsubishi potrebbe essere confermato a sorpresa al vertice del gruppo franco-giapponese