Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2019 15:25

Manga, disegni a quattro ruote.

Valerio Antonini ·

I fumetti giapponesi o manga (tradotto letteralmente "immagini derisorie", piccoli libri illustrati che si aprono e leggono al contrario, dall'ultima pagina alla prima) riscuotono enorme successo in tutto il mondo. I più famosi (come Dragon Ball e Ken Shiro) sono diventati dei best seller planetari con un giro di affari che raggiunge quasi i 4 miliardi di euro, poco meno della metà solo in Nord America.

Quelli di maggiore successo sono stati trasformati anche in cartoni animati (anime, in giapponese) e videogiochi. A differenza dei comics made in Usa - che spesso raccontano avventure di super eroi con poteri eccezionali - i manga spaziano su più temi: non solo fantasy e horror, comunque tra i più letti, ma anche semplici storie di vita quotidiana. Alcune hanno proprio automobili (e chi le guida) al centro della vicenda.

Le consegne più veloci d’oriente

Il più famoso è sicuramente Initial D di Shuici Shigeno che ha riscosso tanto successo in Giappone da spingere Toyota, nel 2016, a ricostruire nei minimi particolare l’auto del protagonista, una Sprinter Trueno. Il primo numero fu pubblicato nel 1995, l’ultimo nel 2013, dopo ben 48 volumi venduti a una media di un milione di copie l’uno. 

Personaggio principale è il diciottenne Takumi Fujiwara alle prese con un travagliato rapporto con la figura paterna. Il severo capofamiglia - ex pilota - lo obbliga a effettuare un giro di consegne tutte le mattine prima dell'alba. Takumi cerca di guidare il più velocemente possibile così da finire in anticipo e rimettersi a dormire prima di andare a scuola. Diventa, in questo modo, un pilota fenomenale. Il fumetto è diventato, nel 2015, un film girato in Cina. La pellicola ha incassato oltre 10 milioni di dollari. Ne è stato tratto anche un anime. 

Tra ragazze e velocità

Di grande successo è anche Wangan Midnight di Michiharu Kusunoki. Qui il protagonista - Akio Asaura - al volante di una Datsun S30 Z si cimenta nelle corse clandestine in autostrada. 

Fra i titoli più divertenti figura sicuramente anche Jigoro Jigorou di Atsushi Kase. La storia, ancora in corso di pubblicazione, racconta di un giovane che, a bordo della sua Nissan S13, cerca continuamente di mettersi in mostra per conquistare più ragazze dei suoi amici.

Femmine contro maschi

Diverso dagli altri, invece, è Over Rev! del 1997, già interamente pubblicato in 31 volumi e tuttora fra i più letti. Parla di femminismo e diritti “rosa”. La protagonista, infatti, è Ryogo Shino, una donna che, pur non avendo ancora la patente - dopo essersi imbattuta casualmente in una gara notturna - si appassiona alle corse clandestine. Compra una Toyota MR2 a soli 100 dollari e inizia a sfidare i piloti maschi.

Gli appassionati di motorsport non possono non sfogliare Capeta, manga e anime dedicato al mondo dei go-kart, iniziato nel 2003 e finito nel 2013. La storia narra di una bambina di 10 anni - Taira Kappeita - e del suo giovane amico Capeta. Il padre della ragazzina scopre in lui le qualità per essere un campione e gli affida - con successo - il  kart che ha costruito. 

Tag

Fumetti  · Giappone  · Manga  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Le abbiamo viste tante volte in televisione, al cinema o disegnate dalle migliori matite sui nostri giornali preferiti. Sono frutto dell'immaginazione, ma esistono davvero

· di Carlo Cimini

Il creatore dei fumetti più famosi al mondo è morto a 95 anni. Dalla sua matita sono nati i supereroi più amati: alcuni di loro andavano a due o quattro ruote