Ultimo aggiornamento  18 febbraio 2019 15:18

"Autostrade, pedaggi più equi".

Lina Russo ·

È diventato legge il decreto Genova. Dentro al quale, ha detto il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, c’è la norma che “pone le basi per una vera e propria rivoluzione nella definizione dei pedaggi autostradali, che per la prima volta non verranno più stabiliti per coprire i costi operativi dei concessionari e il prezzo di investimenti solo previsti, bensì terranno conto degli investimenti effettivamente realizzati e dei ricavi derivanti dalla capacità produttiva del concessionario”. 

Sistema tariffario unico

Oggi, si legge in un comunicato del ministero, “per le 25 concessioni autostradali in essere esistono ben 6 regimi tariffari differenti in cui i pedaggi, nella maggior parte dei casi, vengono stabiliti in base a investimenti previsti e costi operativi e con il semplice criterio del ripianamento delle spese dei concessionari, senza alcun obiettivo di incrementare l’efficienza del servizio e la produttività. Con il decreto Genova, viene introdotto un sistema tariffario unico, stabilito dall’Art, basato sulla metodologia del price cap, il cui indicatore di produttività verrà aggiornato ogni cinque anni e in cui ci saranno dei meccanismi automatici di contenimento degli extraricavi. Si prevede anche, per quei concessionari che non effettuano investimenti o tardano a farlo, una penalità che andrà a ridurre direttamente i pedaggi".

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Brevetto copiato, stabilisce una sentenza della Corte d’Appello di Roma dando ragione a una piccola azienda toscana che aveva fatto causa alla società