Ultimo aggiornamento  20 settembre 2019 03:05

Auto, il mercato europeo giù del 7,4%.

Edoardo Nastri ·

Il mercato dell’auto in Europa perde ancora in ottobre, anche se sui 10 mesi resta in positivo a +1,4%, secondo i dati di Acea, l'associazione di settore con sede a Bruxelles. Lo scorso mese, nei paesi dell’Unione più quelli dell’Efta (Svizzera, Norvegia e Irlanda), è stato registrato un calo del 7,4% rispetto allo stesso periodo del 2017, 1.118.859 immatricolazioni. In settembre, il calo era stato più pesante, -23,4%, a causa dell'introduzione del nuovo ciclo di omologazione Wltp per il quale non tutti i costruttori si sono fatti trovare pronti. 

Fca, più Lancia che Alfa

Le vendite del gruppo Fca nel decimo mese del 2018 hanno subito una flessione del 13,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, facendo scendere conseguentemente la quota di mercato al 5,9%, -0,4% rispetto all’anno scorso. Nel gruppo chi va peggio è Alfa Romeo che registra un -40,8% con 3.837 unità vendute contro le 6.482 di ottobre 2017. A seguire Fiat, -15,5%, e Lancia/Chrysler -0,2%. Da sottolineare come siano state immatricolate più Lancia, 4.497 unità di cui 4.476 in Italia, che Alfa Romeo. Cresce solamente Jeep che segna un +12,2% grazie alle 10.914 auto vendute portando la sua quota di mercato all’1%.

Volkswagen torna primo

Il gruppo Volkswagen è quello che ha immatricolato più auto in Europa, 233.806 unità, pur registrando un calo del 21,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il colosso di Wolfsburg perde così 3,8 punti percentuali di quota di mercato, ora al 20,9%. Tutti in negativo i marchi del Gruppo, in particolare Audi -53% e Porsche -62%. Skoda perde meno degli altri (-0,8%).

Francesi sul podio

Secondo posto per il gruppo Psa con 190.790 unità vendute, in lieve calo rispetto a ottobre 2017 (-1,2%). Cresce di poco più di un punto la sua quota di mercato, ora al 17,1%. A frenare i risultati del gruppo sono Ds, -11,8%, e Opel -7,4%. Crescono Peugeot (+1,9%) e Citroen (+3,7%).

Gradino più basso del podio per Renault che immatricola 107.358 vetture e perde 14,6 punti percentuali rispetto al decimo mese del 2017. All’interno del gruppo guadagna solamente il marchio low cost Dacia, +7,8%, mentre perdono sia Renault, -23,8% per 68.981 unità immatricolate, sia Lada-30,1%. Segno meno anche per l’alleata Nissan (-26,2%).

Chi cresce

Tra i gruppi che crescono maggiormente ci sono Jaguar Land Rover (+15,5%), per merito solo del marchio Jaguar (+64,6%), Bmw (+13,6%), Volvo (+10,3%) e Kia (+4,5%). Bene anche Daimler (+7,6%) e Toyota (+4,7%)

Tutti perdono

Generale e omogenea la perdita in tutti i grandi mercati europei. Pareggio per Italia e Germania che segnano entrambe un calo del 7,4%. Seguono Spagna (-6,6%), Regno Unito (-2,9%) e Francia (-1,5%). Crescono i “piccoli”: Lituania (+20,9%), Grecia (+13,0%) e Croazia (+10,4%). I peggiori d’Europa? Romania (-32,9%) e Svezia (-28,1%). 

Tag

Europa  · Jaguar Land Rover  · Mercato auto  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Novembre rosso dopo un brutto ottobre, ma sugli 11 mesi resta il segno più. Quota Fca fissa sotto il 6%, gruppo Volkswagen primo, bene Jaguar, Volvo e Toyota

· di Edoardo Nastri

I due marchi da inizio anno viaggiano quasi sempre in positivo. Merito della gamma completa (anche di suv) con forme e prodotti nuovi. Ora tocca alle batterie

· di Paolo Odinzov

Dopo 12 mesi il mercato dell'auto scende del 2% rispetto allo stesso mese del 2016. Perdono di più Inghilterra e Germania, compensano Italia e Spagna