Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2018 10:38

Dagli scarti l'energia del futuro.

Marina Fanara ·

"Il biometano ha un ruolo strategico per l'economia del futuro e per la decarbonizzazione dei trasporti". E' quanto dichiarato da Piero Gattoni, presidente Cib, Consorzio italiano Biogas, in una lettera inviata a Bruxelles per ribadire la centralità del gas rinnovabile nella strategia Clima-energia europea e nazionale.

Biogas, l'Italia fa squadra

Partecipando a un convegno a Ecomondo, la manifestazione dedicata all'economia circolare e alla sostenibilità ambientale, a Rimini dal 6 al 9 novembre 2018, Gattoni ha illustrato l'attività della Piattaforma tecnologica nazionale biometano, un organismo nato del 2016 a cui partecipano tutti gli operatori del settore tra cui, oltre al Cib e al Cic (Consorzio italiano compostatori), anche Anigas, Assogasmetano, Confagricoltura, Fise-Assoambiente e Legambiente.

"Dal lavoro svolto finora dalla Piattaforma", ci spiega Gattoni, "è scaturita una proposta da sottoporre alle istituzioni comunitarie per ribadire che la diffusione di biometano e di idrogeno rinnovabili può accelerare la transizione energetica".

In linea con l'Europa

"Riteniamo che la loro produzione possa raggiungere livelli molto elevati, in Italia e in Europa", aggiunge il presidente, "e, grazie alla possibilità di utilizzare l'infrastruttura gas esistente, in combinazione con l'elettricità rinnovabile, il biogas potrà dare un notevole contributo al fabbisogno energetico dei Paesi membri e alla decarbonizzazione dei trasporti e dell'economia".

Un processo al quale l'Italia è tenuta a svolgere un ruolo attivo, così come gli altri partener comunitari, per rispondere agli obiettivi imposti dal piano europeo sul Clima per il 2030 di abbassamento progressivo delle emissioni nei processi produttivi e nella mobilità, per arrivare a quota zero nel 2050.

Impatto zero a basso costo

Da non trascurare, infine, gli aspetti legati alla sostenibilità economica: il ricorso al biometano può produrre enormi risparmi, rispetto ad altre fonti a basso contenuto di carbonio. Stando ai calcoli del Cib, a livello europeo si potrebbero produrre fino a 122 miliardi di metri cubi di gas rinnovabile entro i prossimi trent'anni. "Il che significa", dice Gattoni, "raggiungere gli obiettivi europei di decarbonizzazione spendendo 138 miliardi di euro in meno grazie all'utilizzo di rifiuti organici".

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha varato un decreto che incentiva le aziende che producono gas utili come combustibile (pulito) per le auto