Ultimo aggiornamento  18 novembre 2018 21:52

Stop ai "furbetti" con la targa estera.

Redazione ·

Potrebbe essere vita dura per chi utilizza in Italia automobili immatricolate all'estero, un escamotage molto diffuso per evitare di pagare il bollo, l'assicurazione e anche le multe.

Norma anti furbetti

Nel decreto Sicurezza, al momento all'esame del Parlamento, è stata inserita una norma che vieta, a chi è residente da oltre 60 giorni, di circolare sul territorio nazionale con un veicolo munito di targa estera, un fenomeno cosiddetto di "esterovestizione".

Multe salate e confisca veicolo

“Grazie al governo e alla volontà del ministero che presiedo, i furbetti non potranno più eludere tasse e controlli", sottolinea in una nota Danilo Toninelli, ministro Infrastrutture trasporti. "La norma inserita nel provvedimento Sicurezza vuole proprio porre un freno a questo fenomeno e a bloccare chi fino a ieri eludeva il fisco". Per i trasgressori è prevista una multa salata e, se non regolarizzerà la sua posizione, rischia anche la confisca del veicolo.

“Con noi i furbi non avranno più vita facile", conclude il ministro, "ecco perché sono molto orgoglioso di questa misura che tenta anche di porre un freno a una pratica scorretta purtroppo molto diffusa che danneggia tutti noi, togliendo al fisco soldi dovuti, e fa male anche a tante aziende italiane che lavorano correttamente”.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Dalla Camera la proposta di alzare i limiti di velocità nelle tratte sicure. Mentre al Senato spunta un emendamento al Dl Fiscale contro chi viaggia senza assicurazione

· di Marina Fanara

Il ministro Infrastrutture annuncia due pacchetti di misure per ridurre gli incidenti e avere trasporti a basso impatto ambientale. Priorità agli utenti deboli della strada