Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2018 08:49

Rally, la passione del giovane De Tommaso.

Chiara Iacobini ·

Damiano De Tommaso - pilota varesino già protagonista in questi anni con i colori ACI Team Italia, con cui ha preso parte al Campionato del Mondo Rally R2 2015 e 2016, e con i colori ufficiali di Peugeot nel Campionato Italiano Rally - in questa stagione si è saputo distinguere nuovamente conquistando ben due titoli tricolori con la Peugeot 208 R2B, quello di Campione Italiano Rally Junior e di Campione Italiano Due Ruote Motrici.

Due risultati che hanno contribuito a rendere ancora più ricca la carriera del promettente 22enne di Ispra.

Eredità paterna

Come è nata la tua passione per i rally?

La vocazione per questo tipo di competizione mi è stata trasmessa da mio padre. Lui corre dal '90 e io sono praticamente nato e cresciuto nell'officina di famiglia.

C'è un personaggio nel mondo dei rally a cui ti ispiri? 

Potrà sembrare strano, ma non ho un mito in particolare. Stimo tutti i piloti. So che hanno lavorato duramente per raggiungere il proprio obiettivo, correre e vincere. Credo comunque che Sebastien Loeb sia un esempio per tutti.

La prova perfetta

Qual è la gara che più ti è rimasta nel cuore finora? 

Ricordo il Neste Rally in Finlandia 2016, una prova piena di emozioni, come solamente il 1000 Laghi può dare. Abbiamo realizzato ottimi tempi per quanto riguarda la nostra classe. Quest’anno senza dubbio la tappa  di Roma è stata la migliore. Il rally era valido per l'europeo e quindi abbiamo disputato prove più lunghe, più complete, con medie sempre alte. Il top.

Cosa ti è rimasto della tua partecipazione al Mondiale Rally nel 2015 e nel 2016?

La grande esperienza regalatami dalla Federazione e da ACI Team Italia. Correre nel Mondiale è impagabile e mi ha permesso di migliorarmi, affinare tecniche di guida e anche sulla terra.

Nonostante la giovane età hai una buona esperienza. Che consigli daresti ad un giovane che si avvicini a questo sport?

Il primo obiettivo deve essere quello di sapere cosa vuoi e dove vuoi arrivare. Il secondo consiglio che mi sento di dare è attenersi alle regole in particolare nelle ricognizioni. Due passaggi di prova e poi in gara.

Speranza mondiale

Hai 22 anni. A parte correre, altri hobby?

Magari non ci crederà nessuno, ma per me conta soltanto correre nei rally. 

Domanda tecnica: terra o asfalto?

La terra è senza dubbio più affascinante.

Quali progetti per il 2019?

Per ora è tutto fermo. Ho ottenuto questo importante riconoscimento nel  Cir Junior, e nel Due Ruote Motrici, la speranza è che ci possa portare a qualcosa di bello. E’ ovvio che vorrei tornare a correre nel Mondiale. 

Tag

ACI Team Italia  · Damiano De Tommaso  · Peugeot  · Rally  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Volanti ACI e Caschi d’Oro Autosprint per la prima volta insieme a incoronare i protagonisti della stagione 2018, in una notte magica per piloti, team e organizzatori

· di Chiara Iacobini

Tre piloti tricolori alla conquista del grande nord nel mondiale Wrc. Fabio Andolfi, Luca Bottarelli e Enrico Oldrati impegnati nel 68° “Neste Rally Finland”