Ultimo aggiornamento  18 marzo 2019 17:15

Cupra Ateca, solo per appassionati.

Edoardo Nastri ·

BARCELLONA - La Cupra Ateca può sembrare un’auto irrazionale. Il team di management del primo modello Cupra, il nuovo e indipendente marchio sportivo di Seat nato a febbraio scorso, lo mette nero su bianco: “Il nostro è un brand di appassionati dedicato a un pubblico di appassionati”.

Antonino Labate, responsabile del neonato marchio, crede fermamente che ci possa essere uno spazio nel mercato: “Offriamo un prodotto unico e sofisticato e, al momento, non abbiamo competitors”. E infatti, prezzo e dimensioni della Cupra Ateca - 44 mila euro, 4,37 metri di lunghezza, 1,84 di larghezza e 1,61 di altezza - la proiettano in un segmento di nicchia dove al momento non ci sono rivali dirette.

7 nuovi modelli e 30mila unità

Ma quanto vale questa nicchia? “Lanceremo sette nuovi modelli entro il 2021 e la nostra previsione è raggiungere le 30 mila unità totali nei prossimi quattro anni”, ci spiega Labate. Per raggiungere l’obiettivo bisogna anche creare una rete di vendita e, per adesso, Cupra si appoggerà ai concessionari Seat con un corner dedicato: “277 dealer in Europa, di cui il 40% sarà in Germania, il nostro mercato di riferimento”.

Design aggressivo

La Cupra Ateca differisce in molti particolari estetici dalla versione marchiata Seat. La calandra è stata ridisegnata, ora è a nido d’ape e, al centro, ospita il logo del marchio in color rame. Sulla griglia inferiore spicca la scritta a contrasto Cupra. Altri dettagli la rendono più aggressiva: lo spoiler posteriore, i quattro terminali di scarico posizionati all’estremità del diffusore, i cerchi in lega da 19 pollici diamantati. All’interno il nero delle finiture è predominante ed esalta le cuciture a contrasto in color rame, uno dei segni distintivi del marchio.

Su strada

Abbiamo provato la Cupra Ateca sulle strade intorno a Barcellona, a pochi chilometri dallo stabilimento di Martorell nel quale viene costruita. Sotto il cofano c’è il 2.0 Tsi da 300 cavalli abbinato alla trazione integrale e al cambio automatico del gruppo, il Dsg a sette marce. Considerando l’architettura da suv, la Ateca vitaminizzata diverte tra le curve grazie anche a uno sterzo preciso e a un motore che spinge bene fin da subito grazie ai 400 newtonmetri di coppia disponibili a 2mila giri/minuto. Nonostante l’assetto più rigido la vettura rimane confortevole anche nell’uso cittadino e non fa sentire troppo le asperità del terreno.  

Futuro elettrificato

Cupra guarda all’elettrico. Entro il 2020 uscirà una sportiva ibrida ricaricabile e altri due modelli che potrebbero essere su base Arona e Ibiza. “Il domani parla elettrico e noi guardiamo al futuro”, conclude sorridendo Labate. Intanto in questi giorni ha debuttato in pista la Cupra e-Racer, prima auto da Turismo del marchio completamente elettrica che, a fine 2019, farà parte di un campionato riservato alle Touring elettriche. E' solo l’inizio.

Tag

Ateca  · Cupra  · Seat  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il brand sportivo della Seat porta al Salone svizzero il concept di un suv, primo modello sviluppato interamente per il brand con un powertrain da 245 cavalli

· di Paolo Odinzov

Il nuovo sub-brand di Seat presenterà alla rassegna svizzera un suv coupé che andrà ad affiancare l'Ateca. Stando a indiscrezioni si chiamerà Terramar

· di Redazione

il 22 febbraio debutta il sub-brand di Seat dedicato alle auto sportive. I primi modelli saranno esposti al prossimo Salone di Ginevra