Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 01:37

Daimler e Geely, nuova joint venture.

Luca Gaietta ·

Daimler Mobility Services e Geely Group Company hanno annunciato l’avvio di una nuova joint venture premium in Cina con partecipazione paritaria al 50% e sede a Hangzhou nella provincia di Zhejiang, destinata a fornire servizi di mobilità in diverse città della Repubblica Popolare. Questa utilizzerà una flotta di vetture d’alta gamma, composta da Mercedes Classe S, Classe E, Classe V e Maybach, cui andranno aggiungersi in futuro veicoli elettrici di lusso del gruppo Geely.

In attesa del sì

Termini finanziari e piani di investimento della nuova joint venture, ancora in attesa di approvazione da parte delle autorità di controllo locali e attuata all’interno di Geely Holding Group non sono stati per adesso resi noti. Klaus Entenmann, ceo di Daimler financial services AG, ha pero precisato che l’accordo svolgerà "un ruolo significativo per consolidare una posizione di forza nel mercato della mobilità”.

La strategia Case

Daimler offre attualmente servizi di car-sharing gratuiti e basati su stazioni a oltre 470mila clienti in Cina che hanno percorso ad oggi oltre 20 milioni di chilometri in viaggi. La JV proposta, rappresenta un altro passo nell'implementazione della strategia Case (acronimo di Connected, Autonomous, Shared & Services, Electric).

Tag

Cina  · Daimler  · Geely Auto Group  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il costruttore cinese è pronto a lanciare una vettura che sfrutta la piattaforma condivisa con Volvo e punta ad allargare la gamma

· di Samuele Maria Tremigliozzi

I due colossi cinesi hanno costituito una joint venture per la realizzazione di accumulatori per le auto elettriche. Si parte con un capitale di 130 milioni di euro

· di Samuele Maria Tremigliozzi

L'investimento permetterà alla stabilimento di Daimler in Alabama di produrre le batterie e la componentistica per le vetture "full electric" del marchio

· di Carlo Cimini

Il ceo tedesco Zetsche conferma: a breve nuovi incontri con gli investitori cinesi. Sul piatto la collaborazione nel segmento a batteria sia in Europa che in Cina