Ultimo aggiornamento  15 settembre 2019 11:50

Al volante di una Bullitt.

Monica Secondino ·

NIZZA - Ford Mustang Bullitt, cinquant'anni dopo la protagonista del film omonimo interpretato da Steve McQueen. Una serie speciale, di cui il costruttore americano mette in vendita soltanto 68 unità, dopo averne fatto altre due nel 2001 e nel 2008. Prezzo altrettanto esclusivo: da 57.000 euro. L'abbiamo guidata, non per le strade di San Francisco ma in Costa Azzurra.

460 cavalli

La Mustang Bullitt ricorda la vecchia auto del film nell'unico colore in cui verrà commercializzata in Italia, il Dark Highland Green della vecchia GT. Se sotto il cofano nel 1968 c'era un V8 che sprigionava più o meno 300 cavalli, oggi il nuovo V8 scatena 460 cavalli e 529 Nm di coppia mentre le marce sono passate da quattro a sei. Costruita nello stabilimento di Flat Rock, a Detroit, la nuova Bullitt ricorda agli scarichi la stessa musica del modello del 1968 grazie alla tecnologia di regolazione del sound Active Valve Performance Exhaust, che permette di scegliere tra silenzioso, normale, sport e circuito.

Sospensioni adattive

L'assetto non è più morbido, adesso sono disponibili le sospensioni adattive MagneRide per gestire tutti i cambiamenti delle condizioni della strada senza nessun scompenso per la tenuta. All’interno il badge numerato, all'esterno cromature per la griglia anteriore (rigorosamente senza Pony), i cerchi in alluminio in stile Torq Thrust da 19” e le pinze rosse per i freni Brembo.

Benvenuti a bordo

Il cambio è sempre manuale ma usa la nuova tecnologia rev-matching di Ford, che garantisce scalate più fluide e sicuramente meno violente rispetto a quelle dell'auto originale. C’è poi un quadro strumenti LCD da 12 pollici che, quando accendete l’auto, vi dà un benvenuto a tema "Bullitt". Completano l’allestimento i sedili in pelle Recaro e le cuciture verdi a contrasto. 

Tag

Bullitt  · Ford  · Mustang  · Steve McQueen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La celebre Ford utilizzata sul set da Steve McQueen lascerà per la prima volta gli Stati Uniti per farsi ammirare dal pubblico della gara inglese