Ultimo aggiornamento  23 settembre 2019 07:01

Per la Ford i semafori non servono più.

Paolo Odinzov ·

I semafori? Secondo Ford tra breve se ne potrà fare a meno. La Casa americana ha realizzato il sistema “Intersection Priority Management" che permette a veicoli connessi di gestire in modo autonomo la marcia lungo gli incroci stradali e prende spunto nel funzionamento dal modo in cui i pedoni regolano il proprio passo per evitare senza fermarsi gli attraversamenti più affollati o pericolosi.

Le auto si parlano

Il sistema Intersection Priority Management si pone come primo obiettivo quello di salvare vite umane ed è già in fase di sperimentazione sulle strade di Milton Keynes, nel Regno Unito nell’ambito del progetto UK Autodrive supportato dal governo britannico.

Per funzionare sfrutta la tecnologia Ipm che utilizza le comunicazioni Vehicle to Vehicle (V2V) in modo da elaborare e suggerire le velocità ottimali che consentono alle auto di attraversare in sicurezza gli incroci senza fermarsi. Ogni macchina trasmette la sua posizione e i sistemi di bordo sono in grado di identificare la presenza di un incrocio e la traiettoria degli altri veicoli in avvicinamento.

Cooperazione virtuosa

“Sappiamo che gli incroci e i semafori possono essere un vero e proprio spauracchio per molti automobilisti”, ha detto Christian Ress, curatore del progetto per Ford. “Grazie alle tecnologie che fanno dialogare le auto tra loro, come quella in fase di sperimentazione, immaginiamo un mondo in cui i veicoli siano più consapevoli l’uno dell’altro e dell’ambiente circostante, al fine di una cooperazione virtuosa, sulle strade e nei pressi degli incroci”.

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Dal 2020, saranno installate delle telecamere sopra ogni dispositivo. Il software scansionerà l’area per verificare la presenza o meno di pedoni ed eventualmente attivare il verde

· di Valerio Antonini

Il costruttore Usa vuole introdurre un segnale luminoso sopra le auto robot che comunichi all’esterno le loro intenzioni. In futuro potrebbe essere obbligatorio

· di Sergio Benvenuti

Gli ingegneri di Detroit registrano una tecnologia che rileva la posizione delle moto tra le corsie. Il sistema lavora con i dispositivi Adas