Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 23:07

4X4 Fest diventa maggiorenne.

Monica Secondino ·

Il 4x4Fest, il salone della trazione integrale di Carrara che si è svolto nello scorso week end, compie diciotto anni e si conferma “l’evento di riferimento del settore, quello a cui non si può mancare”, come ha ricordato Fabio Felici, Presidente di CarraraFiere, in occasione dell’inaugurazione.

Un evento così longevo ha alla base il fatto che quasi un terzo del mercato totale italiano è rappresentato da crossover e fuoristrada. Sempre Felici spiega che “i dati ufficiali Unrae riportano la crescita costante dell'off road sul mercato, con percentuali che passano dal 7,5% del 2014 all’8,3% del 2017, mentre il segmento dei crossover marcia ancor più spedito da una quota del 16,7% registrata nel 2015 al 22,4% raggiunta nel 2017”.

Spettacolo per tutti 

Naturalmente però i numeri non bastano e il successo di questa manifestazione - che quest’anno ha richiamato 33.000 visitatori e nei precedenti 17 anni ha visto 380.000 presenze e oltre 2.800 espositori - è costituito dal fatto che vi si possono trovare tutti gli elementi che richiamano le persone, a partire dai raduni. Quest’anno ce ne sono stati ben cinque: il Mitsubishi Day 2018, il 2° raduno Nazionale Elaborare 4x4, il 7° raduno Nazionale Ufficiale Suzuki, il 1° raduno Nazionale CarraraFest e l’iniziativa Rosa Integrale, dedicata al mondo femminile, con un’area ad hoc e il suo primo raduno nazionale di 60 chilometri.

Immancabile l'immersione nell’avventura e la scoperta di un territorio che ha tanto da offrire, come i Tour alle Cave di Fantiscritti, appuntamento consueto della manifestazione, e quello alla Cava 37, un percorso sulle Alpi Apuane, più tecnico e “100% off-road” aperto solo ai fuoristrada duri e puri con ridotte, privati o messi a disposizione dalla Federazione Italiana Fuoristrada, partner storico di CarraraFiere, un’altra garanzia della qualità della manifestazione.

Si alle due ruote

Quest’anno ha visto la luce anche la prima edizione di MotoCross Fest, uno spazio dedicato alle moto off-road, con iniziative come i corsi per bambini e adulti con “fFasola” di Fabio Fasola. Novità del 2018 è anche la premiazione dei 42 espositori che sono sempre stati fedeli alla manifestazione in questi 18 anni di vita. Una conferma che si tratta di un evento rilevante per il settore è anche il fatto che è stato scelto per le anteprime nazionali di tre modelli: il nuovo Vitara di Suzuki, la nuova Classe G di Mercedes e l’Hilux Executive+ di Toyota. Altri brand presenti, seppur in modo indiretto, sono stati: Dacia-Renault, Jeep, Land Rover, Mazda e Mitsubishi Motors. 

Sogna, osa, vivi

Al 4x4Fest c’è posto anche per la Dakar e il suo motto, visto che l’R Team ha scelto proprio Carrara per presentare i due equipaggi già confermati alla prossima edizione della gara più dura del mondo. Il primo è composto da Schiumarini-Succi-Salvatore su Ford Raptor 6.2 V8 T2.1, l’altro da Del Punta-Sinibaldi , al debutto su SSV CAN-AM.

Il coraggio di ricominciare 

Il motto della Dakar del resto rappresenta molto bene anche Alessia Polita, la pilota che ha perso l’uso delle gambe dopo un incidente nel Civ a Misano con la sua Yamaha, nel giugno 2013. L’atleta ha partecipato alla conferenza “Abili per vivere”, a cura della Consulta Disabilità Provinciale e Panathlon Carrara che si è tenuta sabato mattina in Fiera. Il suo messaggio è stato forte e coinvolgente. Inizialmente, oltre all’uso delle gambe aveva perso anche la voglia di vivere ma poi è ripartita e adesso punta alle Paraolimpiadi 2022 a Pechino: “Questo è stato il mio modo di raccogliere la sfida che la vita mi ha messo davanti, ma ognuno di noi deve affrontare le sue, e credo che il modo migliore per ripartire sia non dimenticarsi mai dei propri obiettivi e delle proprie passioni”.

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

In programma tra venerdì 11 a domenica 13 ottobre la 19° edizione del Festival del Fuoristrada e della trazione integrale. In mostra off road, suv, moto e quad

· di Marco Perugini

Fuoristrada, suv, quad, moto e biciclette si ammirano e si provano su percorsi che partono dalla Fiera e si snodano lungo la spiaggia fino alle cave di marmo