Ultimo aggiornamento  18 novembre 2018 11:55

Oslo, città "verde".

Elisa Malomo ·

Stop alla circolazione di auto private nel centro di Oslo entro il 2019. Questo l’obiettivo di Hanna Elisa Marcusse, vicesindaco per lo Sviluppo Urbano, che mira a favorire lo sviluppo di una città più sicura e sostenibile. A questo proposito è imminente l'annuncio della assegnazione alla capitale norvegese del "certificato di sostenibilità", un riconoscimento internazionale che va a quelle zone che sappiamo coniugare al meglio turismo e attenzione per l'ambiente

"L'obiettivo del nostro piano è restituire la città agli abitanti, dare priorità ai pedoni, ai ciclisti e incentivare l'uso dei trasporti pubblici", ha commentato la Marcuse, difendendo la propria posizione e ricordando come si tratti di un ulteriore passo avanti, il coronamento ideale di un processo di pedonalizzazione iniziato diversi anni fa e che ha già portato migliaia di biciclette in giro per la città. Oslo, che conta circa 640mila abitanti, è stata anche nominata Capitale verde d’Europa 2019 dalla Commissione Ue, per il sostegno alla causa ambientale e alla sicurezza dei suoi abitanti.

Paura del freddo

Se l'iniziativa del comune contribuirà a ridurre le emissioni di Co2 e a migliorare la vita dei residenti, a detta di molti potrebbe avere ripercussioni sul commercio e destabilizzare l’economia dei piccoli negozianti che infatti sono scesi sul piede di guerra. “Temiamo - sono le parole di un loro rappresentante - che in questo modo il centro di Oslo morirà. Sfido i ciclisti a venire in inverno, con -20 gradi, a fare giochi di strada e danze in centro con la neve fino alle ginocchia” .

 

Tag

Mobilità sostenibile  · Norvegia  · Oslo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il parcheggio di Vulkan è la più grande stazione elettrica d'Europa. Rifornisce gratis oltre 100 auto e funziona anche all'inverso: passa l'energia dalle batterie alla rete