Ultimo aggiornamento  18 marzo 2019 23:09

La Cina rallenta Jaguar Land Rover.

Edoardo Nastri ·

Il gruppo Jaguar Land Rover chiuderà per due settimane, a partire dal 22 ottobre, il suo stabilimento produttivo di Solihull, nelle Midlands, a seguito del crollo delle vendite del 50% sofferto in Cina. 

Il calo della domanda si spiega anche coi dazi imposti dalla Cina sulle importazioni che derivano dalla guerra commerciale in corso tra Stati Uniti e la Repubblica popolare cinese. Secondo quanto dichiarato dal sindacato dei lavoratori Unite, non sarebbero a rischio i posti di lavoro. I dipendenti saranno comunque pagati. 

Dazi e guerra al diesel

A fermarsi sarà anche un secondo stabilimento: la fabbrica di Castel Bromwich, dal mese di ottobre fino a inizio dicembre lavorerà solo tre giorni alla settimana. Influisce certamente su queste decisioni anche la crisi nella commercializzazione dei diesel che sta avvenendo in Europa: il 45% delle vetture dei marchi del gruppo viene venduto proprio con propulsori a gasolio.

Su tutto questo aleggia lo spettro della Brexit: a oggi non si è ancora raggiunto un accordo tra Regno Unito e Unione Europea sulla presenza o meno di dazi d’importazione quando l’Inghilterra sarà realmente fuori dall’Europa. E rimangono dubbi anche sulla libera circolazione delle merci e della forza lavoro.

Tag

Cina  · Diesel  · Jaguar Land Rover  · 

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Barbero

Il gruppo inglese di proprietà di Tata Motors starebbe lavorando a un piano di ristrutturazione da 2,5 miliardi di sterline con conseguenti tagli ai dipendenti

· di Colin Frisell

Il costruttore giapponese potrebbe fermare gli impianti nel Regno Unito per un tempo indefinito in caso di uscita dall'Europa senza pre-accordi economici