Ultimo aggiornamento  18 dicembre 2018 16:04

Emissioni: -35% per le auto nel 2030.

Paolo Borgognone ·

Le emissioni di Co2 delle auto dovranno scendere del 35% entro il 2030 rispetto al 2021. Per i furgoni il calo sarà invece del 30%. E' l'accordo che è stato trovato a Lussemburgo tra i ministri dell'ambiente dell'Unione, tra cui l'italiano Sergio Costa e che da oggi verrà discusso a Bruxelles, sia col Parlamento che con la Commissione europea. 

Impegno italiano

Ci sono volute 13 ore di trattativa per arrivare alla definizione del compromesso che prevede delle deroghe per quei costruttori che producano piccole quantità di veicoli. Dei 28 Paesi partecipanti, 20 hanno alla fine appoggiato la mozione presentata dall'Austria - presidente di turno dell'Unione - mentre 4 hanno votato contro e altrettanti si sono astenuti. Battuta la Germania che insisteva per un tetto al 30% sia per le vetture che per i furgoni. 

A questo punto partiranno immediatamente le consultazioni con gli organi dell'Unione europa, Parlamento e Commissione, che daranno forma al provvedimento definitivo. Il Parlamento aveva chiesto una riduzione delle emissioni del 40%, posizione sposata anche dal ministro italiano Costa che ieri - prima della riunione - aveva parlato di una "sfida importantissima che ci riguarda tutti".

Cop 24

Costa aveva anche sottolineato la necessità che si trovasse un accordo: in questo modo l'Unione europea potrà presentarsi alla Cop24, la prossima conferenza Onu sul clima che si terrà in dicembre a Katowice, in Polonia, con una posizione unitaria e condivisa. 

Il commissario europeo al clima Miguel Aria Cañete si è detto soddisfatto dell'accordo trovato a Lussemburgo ma ha anche voluto ricordare che la lotta all'inquinamento non passa soltanto per il settore automotive e non si ferma ai confini europei, ma deve diventare un argomento globale. 

Tag

Ti potrebbe interessare