Ultimo aggiornamento  18 marzo 2019 16:36

#MondialParis: Smart forease, scoperta verde.

Luca Gaietta ·

PARIGI - Smart festeggia il 20° compleanno al Salone dell'Auto di Parigi (dal 4 al 14 ottobre) e presenta la show car di nome forease con cui reinterpreta in modo originale e minimalista la guida open air a zero emissioni nel traffico urbano. Realizzata sulla base della EQ fortwo cabrio, ignorando nello stile ogni convenzione come sulle precedenti concept crossblade (2001) e forspeed (2011), la forease strizza l'occhio per contenuti al claim originale di smart “reduce to the max” (ridurre al massimo).

Senza tetto e con parabrezza corto

L'abitacolo, privo di tetto e con il parabrezza corto, garantisce un diretto contatto con l'ambiente esterno lasciando che l’aria durante la marcia accarezzi i passeggeri. Mentre il colore bianco metallizzato brillante e i dettagli in “stream green” indicano che si tratta di un'auto a zero emissioni.

Abitacolo essenziale

Anche all’interno la forease offre soluzioni inedite. Ad esempio le cuciture decorative verdi in contrasto con i rivestimenti, oppure due display circolari che sostituiscono le bocchette di ventilazione centrali nella plancia portastrumenti sui quali possono essere visualizzati i contenuti dell'app “ready to” per usufruire di numerosi servizi on line dedicati.

Tag

#MondialParis  · forease  · Salone dell'Auto  · Salone Parigi  · Smart  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Giannini

Il marchio svizzero lancia un'altra concept elettrica che si affianca alla roadster del ventennale presentata a Parigi 2018. Il dettaglio in più: la capote in tela

· di Sergio Benvenuti

Il costruttore tedesco, grazie a una partnership con Beijing Electric Vehicle, intende produrre le piccole cittadine a batteria direttamente nel paese asiatico

· di Elisa Malomo

"Ready to Charge" permetterà a chi guida la piccola tedesca di sapere dove si trova il parcheggio con colonnine libere più vicino. E di pagare la sosta

· di Luca Gaietta

Arriva la versione Cabrio a batteria della "piccola" di Böblingen: si scopre in 12 secondi e viaggia senza attaccarsi alla spina per 155 chilometri