Ultimo aggiornamento  08 agosto 2020 22:50

Emissioni, -40% in Europa entro il 2030.

Edoardo Nastri ·

PARIGI – Mentre il mondo dell’automotive è riunito al Mondial de l'Automobile a Parigi per presentare le sue ultime novità, a 490 chilometri di distanza il Parlamento europeo presso la sede di Strasburgo ha approvato un progetto di legge sul taglio alle emissioni delle vetture. La posizione dell’Europarlamento, adottata in queste ore con 389 voti a favore, 239 contrari e 41 astensioni, è quella di un taglio alle emissioni delle nuove auto del 20% entro il 2025 e del 40% entro il 2030. La proposta iniziale della Commissione europea per il 2030 è stata quindi rivista al ribasso di ben cinque punti percentuali. 

Nuovi limiti per i costruttori 

Riviste anche le quote di mercato che dovranno avere i veicoli a zero e basse emissioni: 20% entro il 2025 e 35% entro il 2030. In caso di mancato adeguamento alle nuove disposizioni i costruttori verranno sanzionati. La palla passa ora al Consiglio europeo di Bruxelles che si riunirà il 9 ottobre per esprimere un parere. Dopodiché, inizieranno i negoziati tra Europarlamento e Consiglio Europeo

A questo punto, il testo tornerà al vaglio del Parlamento, per essere votato prima in commissione Ambiente e poi in plenaria. Infine, l'ultimo passaggio al Consiglio europeo per il sì definitivo. Trascorsi 20 giorni, il testo entrerà in vigore. 

Tag

emissioni  · zero emissioni  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

L'Unione ha trovato l'accordo sui tagli alle emissioni inquinanti dei veicoli. Gli obiettivi servirebbero per stimolare i costruttori a investire su vetture più green

· di Paolo Borgognone

Il ministro Costa e i colleghi europei dell'ambiente trovano un'intesa dopo 13 ore di riunione. Per i furgoni tetto fissato al 30%. Ora consultazioni con Parlamento e Commissione

· di Redazione

Il ministro dell'Ambiente Costa al consiglio in Lussemburgo sui nuovi limiti per autovetture e furgoni. Germania ed est Europa vogliono fermarsi al 30%

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Le auto immatricolate dal 12 ottobre avranno sul serbatoio un simbolo che distinguerà il tipo di alimentazione, lo stesso che si troverà sui distributori

· di Colin Frisell

Il sindaco della capitale inglese chiede ai tre gruppi tedeschi dell'auto una forma di compensazione economica. Come hanno già fatto in Germania