Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2018 09:28

ACI al Future Mobility Week 2018.

Redazione ·

L'Automobile Club d'Italia partecipa al Future Mobility week 2018. L'evento ha preso il via al Lingotto di Torino il primo ottobre e si concluderà venerdì 5. Tra i temi trattati, le nuove scoperte nel campo delle alimentazioni alternative, l'automazione dei veicoli, la sharing mobility e le modalità di trasporto del futuro. 

Corse ecosostenibili

La Future Mobility week è articolata su 24 conferenze tematiche a cui partecipano più di 3mila esperti del settore e 150 sponsor ed espositori.

Tra le attività, mercoledì 3 ottobre si disputa la penultima prova del “Green Endurance”, il nuovo Campionato Italiano di Energy Saving varato dalla Commissione Attività Ecosostenibili e Sperimentali di ACI Sport per il 2018. Questa edizione è riservata ai soli veicoli elettrici: una sfida nella quale gli equipaggi metteranno alla prova l'efficienza delle loro vetture, impegnate in tappe di lunghezza compresa tra i 400 e i 600 chilometri.

Il futuro è negli Adas

A seguire, il 4 ottobre, l'Automobile Club d'Italia parteciperà a un convegno sulla sicurezza stradale con un particolare focus sull'importanza dell'adozione della tecnologia attiva a bordo delle vetture (sistemi Adas) come principale strumento per la riduzione degli incidenti automobilistici.

Per l'occasione sono stati invitati esponenti provenienti dalle principali istituzioni del settore tra cui il ministero dei Trasporti, l'Euro NCAP (il protocollo internazionale focalizzato sui crash test di cui per l'Italia fa parte l'ACI) e docenti dei più prestigiosi atenei del Paese.

Tag

ACI  · Future Mobility week  · Torino  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Secondo un studio di AlixPartners, la transizione verso l'elettrico richiederà nel mondo investimenti per 255 miliardi di dollari nei prossimi 8 anni. Cinesi in pole

· di Marina Fanara

Ci sono diverse forme di mobilità condivisa, ognuna con la sua definizione: dal car sharing, al ride hailing, al peer to peer. Talvolta si confondono tra loro. Chiariamoci le idee