Ultimo aggiornamento  23 settembre 2019 17:18

Uber, ritorno elettrico in Cina.

Sergio Benvenuti ·

Due anni dopo aver ceduto le proprie attività in Cina, Uber torna nel Paese asiatico. Questa volta non per offrire i propri servizi in condivisione, ma per costruire biciclette e scooter elettrici  con i quali aprire nuovi mercati in Asia.

Nonostante Trump

Tecnici e ingegneri assunti da Uber si trovano già nella Cina meridionale per supervisionare la realizzazione degli impianti affidati a partner locali che non sono stati resi ancora noti. Si sa per certo che non saranno gli stessi che realizzano i mezzi per i principali protagonisti di questo settore anche negli Usa come Bird e Lime. Lo ha confermato Rachel Holt che è il capo della unità New Mobility della società californiana che ha anche parlato di "volumi produttivi significativi", senza però scendere di più nei dettagli.

Sia e-bike che scooter sono inclusi nell'elenco dei prodotti soggetti alle tariffe volute dalla amministrazione Trump: ai costi produttivi, quindi, sarà necessario aggiungere una tassa del 25% su ciascun componente che Uber importerà negli Usa. Sempre che la guerra dei dazi non trovi una soluzione più ragionevole.

Tag

Bike Sharing  · E-scooter  · Scooter sharing  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

L'azienda californiana varrebbe, secondo Morgan Stanley e Goldman Sachs, 120 miliardi di dollari. Più di General Motors, Fca e Ford messe insieme

· di Patrizia Licata

La società dei taxi privati, osservata speciale dell'autorità dei trasporti della capitale inglese, risponde alle polemiche con un sondaggio: i suoi autisti sono contenti

· di Gloria Smith

Lo stato Usa vuole imporre per legge alle società di ride hailing di aver nelle proprie flotte soltanto vetture a batteria a partire dal 2030