Ultimo aggiornamento  20 luglio 2019 11:47

Blocco diesel, le 5 cose da sapere.

Edoardo Nastri ·

L'alimentazione a gasolio è sempre più nel mirino. Da oggi entrano in vigore le norme che limitano la circolazione dei vecchi diesel a seguito di un accordo tra le regioni del nord Italia per ridurre l'inquinamento diffuso nella pianura Padana. Ai blocchi standard potranno essere aggiunti stop straordinari anche per veicoli che appartengono a classi di emissione superiori.

1) Le vetture colpite

Il blocco della circolazione riguarda i veicoli con motore diesel di categoria inferiore o uguale a Euro 3 e, in Emilia Romagna, è esteso anche agli Euro 4.

2) Dove

Le regioni interessate sono quelle che hanno sottoscritto l’Accordo di Bacino Padano per la limitazione dell’inquinamento: Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. Da segnalare il blocco in Emilia Romagna anche per i diesel Euro 4 nei centri abitati dei Comuni con più di 30.000 abitanti e dei Comuni con meno di 30.000 abitanti che fanno parte dell’agglomerato di Bologna.

3) Quando

Le limitazioni sono valide a partire dal 1 ottobre 2018 fino al 31 marzo 2019. Sono poi possibili blocchi straordinari a seconda dei livelli di allerta.

4) Le sanzioni

La sanzione amministrativa può andare da 163 a 658 euro, secondo l’articolo 13-bis del Codice della Strada. Tuttavia in caso di reiterazione della violazione nell’arco di due anni, la sanzione accessoria prevede la sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni.

5) Come sapere se si può circolare

Per conoscere la classe di inquinamento della propria vettura si può andare sul sito internet dell'ACI nella sezione Calcolo Bollo e si scoprono tutti i dati del veicolo. Normativa Euro, compresa.

Tag

Blocco circolazione  · Diesel  · Inquinamento  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

E' allarme smog nel capoluogo e in 11 Comuni dell'hinterland: da martedì 4 a giovedì 6 dicembre si fermano tutti i veicoli a gasolio ante Euro 5

· di Paolo Borgognone

Alla riunione dei sindaci delle 40 metropoli più importanti del mondo, i primi cittadini di Mexico City, Parigi, Madrid e Atene dicono stop ai motori più inquinanti