Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 11:49

Tesla, Musk non è più presidente.

Lina Russo ·

Elon Musk si dimette da presidente di Tesla e non potrà più ricoprire la carica per almeno tre anni. Inoltre il manager sudafricano pagherà di tasca propria 20 milioni di dollari di multa. Altri 20 milioni verranno sborsati dal costruttore. Musk rimane comunque ceo della Casa californiana ma dovrà attenersi, d'ora in poi, a un severo codice di comportamento riguardo le sue esternazioni pubbliche, tweet compresi.

E' il risultato del patteggiamento siglato tra Tesla e la Sec (Security and Exchange Commission), l'organo Usa di controllo della Borsa che aveva accusato il manager di frode e dichiarazioni ingannevoli per gli investitori. L'accordo è soggetto alla approvazione del Tribunale di New York presso il quale era stato depositata la denuncia.  

Accuse gravi 

La vicenda è nata lo scorso 7 agosto quando, sul suo account di Twitter seguito da oltre 20 milioni di followers, Musk aveva parlato a sorpresa del "delisting" di Tesla, cioè della possibilità di ritirare l'azienda dalla quotazione in Borsa, sostenendo anche di aver trovato i fondi necessari e di attendere solo l'ok dall'assemblea degli azionisti. Ogni azione avrebbe avuto il valore di 420 dollari, molto più alto di quello effettivo a Wall Street. La notizia aveva creato turbolenze non indifferenti al titolo, con un balzo in avanti nelle quotazioni del 6%.

Tag

Elon Musk  · Sec  · Tesla  · Twitter  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

L'australiana Robyn Denholm, Chief Financial Officer della società di comunicazioni australiana Telstra diventa presidente del marchio Usa

· di Edoardo Nastri

A seguito del provvedimento della Sec, Elon Musk rimarrà in carica solo come ceo dell'azienda californiana. Ecco una lista di candidati alla sua sostituzione

· di Lina Russo

L'agenzia federale Usa che controlla la Borsa ha presentato un esposto contro il ceo del costruttore per il tweet del 7 agosto sull'uscita dalle quotazioni. Titolo giù