Ultimo aggiornamento  22 luglio 2019 11:59

Il Mosquito va veloce.

Antonio Vitillo ·

Anche un vecchio ciclomotore Mosquito può stabilire un record di velocità. L’impresa è ancor più clamorosa se si considera che è stata compiuta a Bonneville, nello Utah, teatro storico di ben più blasonati record. A compierla l’italiano Giacomo Zanetti, 67 anni da Brescia. Ispirato dal fascino dei racconti sulla magica atmosfera del lago Salato, ha preso un telaio del 1953, recuperato pezzi originali fra Stati Uniti e Francia e si è presentato al via del lungo rettilineo bianco con il suo Mosquito fedelmente ricostruito.

Tra mille difficoltà

La sua è stata un'avventura non priva di difficoltà. Tra queste, avendo il Mosquito la trazione a rullo, il sale vi si depositava sopra, creando una poltiglia scivolosa, in grado di compromettere la fase di accelerazione.

Dopo una serie di tentativi, talvolta pregiudicati dall’acqua che, in alcuni tratti, riaffiorava sulla distesa salata, Zanetti è riuscito a portare il Mosquito 48B “by Pigizeta” alla velocità di 25 miglia per ora. Misurazione media sulla distanza di un miglio che vale quale record mondiale per ciclomotori con trazione a rulli.

Ciclo rock

Essendo il recordman bresciano anche un animatore della Mosquito’s Way - serie di parate dedicate ai ciclomotori vintage ideata dal rocker italiano Piero Pelù – il raduno del 22 settembre è stato occasione di festeggiamenti. A confermarlo è lo stesso Pelù: “Da Bonneville,  Zanetti è arrivato al Mugello con la banda dei Mosquitari più rock del pianeta”.

Tag

Mosquito  · Mosquito's Way  · Mugello  · Piero Pelù  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Il cantante e i suoi amici protagonisti di un curioso raduno per ciclomotori a pedali. Appuntamento sul circuito toscano tra le gare del Campionato Italiano Velocità Moto