Ultimo aggiornamento  18 dicembre 2018 17:03

Musk sotto inchiesta.

Carlo Cimini ·

Tesla è sotto inchiesta. Secondo Bloomberg, il Dipartimento di Giustizia americano avrebbe aperto un'indagine per frode in merito alle dichiarazioni pubbliche rilasciate dall'amministratore delegato Elon Musk sui social network: il mese scorso (precisamente il 7 agosto) il ceo californiano aveva pubblicato un tweet in cui esprimeva la volontà di privatizzare l'azienda con l'aiuto di "finanziamenti garantiti" provenienti da un fondo arabo. 

Via alle indagini

L'inchiesta dell'ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel Northern District della California fa seguito a quella della Securities and Exchange Commission (Sec) che avrebbe chiesto informazioni al produttore di auto elettriche sui piani strategici per far diventare privata Tesla, poi abbandonati. Le indagini possono richiedere mesi e a volte finiscono con i pubblici ministeri che decidono di non portare alcuna accusa in tribunale. Nel frattempo le azioni di Tesla sono scese del 3,4% a 284,96 dollari.

L'accusa si fonda sul fatto che Tesla abbia emesso dichiarazioni fuorvianti su obiettivi di produzione e vendita. Ora che il tweet di Musk ha attirato l'attenzione del Dipartimento di Giustizia, gli investigatori potrebbero estendere la loro indagine ad altre esternazioni del ceo. Le autorità potrebbero anche esaminare le circostanze relative alle dimissioni del Chief Accounting Officer di Tesla, Dave Morton, dopo meno di un mese di lavoro. L'ex direttore finanziario di Seagate Technology si era unito all'azienda un giorno prima del fatidico tweet di Musk.

Tag

Elon Musk  · Indagine  · Tesla  · Twitter  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Il titolo perde un quarto del suo valore dopo che Elon Musk fuma marijuana in pubblico. Ma diversi analisti consigliano ancora “buy” e vedono profitti

· di Redazione

In giro per Ginevra è comparso un manifesto pubblicitario della Kona Electric che tira in ballo il boss di Tesla. Invitandolo a fare di meglio