Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2019 01:34

Brebemi dà la carica ai Tir.

Marina Fanara ·

Sarà la Brebemi (la A35 Brescia-Bergamo-Milano) la prima autostrada elettrica d'Italia per il trasporto merci. Il progetto presentato da Cal (Concessioni autostradali lombarde), la società che gestisce l'infrastruttura, prevede la realizzazione di una specie di "filovia" specificatamente dedicata al transito dei camion ibridi e a batteria.

Primi test nella Bergamasca

L'iniziativa è frutto della collaborazione con i dicasteri Infrastrutture e Ambiente, Siemens, azienda tedesca dell'elettrificazione, e Scania, il costruttore svedese di mezzi pesanti che metterà a disposizione camion ibridi ed elettrici puri. Il progetto prevede una prima fase di studio con l'elettrificazione della parte centrale dell'autostrada, nella Bergamasca, tra i caselli di Romano e Calcio.

Tir appesi al filo

Si tratta in tutto di 5 chilometri: "Una dimensione utile a mettere a regime e tarare il sistema", dicono in Brebemi. I lavori prevedono la posa di cavi aerei tramite i quali i mezzi ecologici riceveranno l'energia durante la marcia. Grazie a un sistema automatizzato, inoltre, il pantografo montato a bordo dei Tir permetterà di individuare e collegarsi alla rete per alimentare il motore elettrico.

Team d'eccezione

I sistemi di distribuzione, si legge nel progetto, saranno completamente all'esterno della piattaforma autostradale, mentre la linea elettrica, sospesa a un'altezza di 5,5 metri, scorrerà lungo la corsia dedicata alla marcia lenta. "Il progetto è coadiuvato da un partner d'eccezione come il Politecnico di Milano che avrà il compito di curare gli aspetti applicativi e verificare la sicurezza complessiva del sistema", specifica Giacomo Melis, direttore generale di Cal, "ma stiamo parlando anche con l'Università Bocconi per un contributo sull'impatto economico e logistico del progetto".

Merci a impatto zero

Se questa prima sperimentazione darà esito positivo, si procederà all'elettrificazione dell'interra A35 che produrrà energia in forma autonoma, tramite pannelli fotovoltaici. "Daremo il via a un progetto inedito per l'Italia", ha sottolineato l'amministratore delegato di Cal, Gianantonio Arnoldi, "che favorirà il trasporto delle merci a zero emissioni".

40% di CO2 dai camion

A proposito di inquinamento, stando ai dati dell'International council on clean trasportation, se i mezzi pesanti  in Europa costituiscono circa il 9% dei veicoli in circolazione, sono responsabili del 40% della CO2 emessa nell'aria. "Per capire l'importanza di questa tecnologia per l'ambiente", ha aggiunto Melis, "vorrei ricordare che la Brebemi attraversa un territorio molto esposto al rischio smog, battutissimo da camion e Tir: è il crocevia più importante d'Italia per il trasporto delle merci, dove hanno sede 1.500 aziende di logistica e 15.000 legate alla distribuzione su strada". 

Ora, si attende l'approvazione definitiva del progetto da parte del Cipe (Comitato interministeriale programmazione economica), prevista per il 2019, per poi dare inizio ai lavori nel 2020, con l'entrata in esercizio della nuova tratta tra il 2021 e il 2022.

Gli esempi di Svezia e Germania

All'estero, l'autostrada elettrica è già in via di sperimentazione in Germania, su tre tratte, per un totale di 12 chilometri, e in Svezia dove, dal 2016, i camion possono viaggiare a batteria su due chilometri della E16, tra Sandviken e Gavle.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il Paese scandinavo sperimenta il camion-filobus su una autostrada elettrica. Obiettivo trasporto merci a zero emissioni