Ultimo aggiornamento  17 febbraio 2020 12:04

Ford GT, torna la livrea Gulf Oil.

Paolo Odinzov ·

Un tributo al mito americano che ha dominato la 24 ore di Le Mans. Ford ha realizzato una particolare edizione della sportivissima GT per rendere omaggio alla GT40 sponsorizzata da Gulf Oil che 50 anni fa realizzava una doppietta rimasta epica nella famosissima gara di durata. Si tratta della Ford GT Heritage Edition 2019, subito riconoscibile per la livrea celeste e arancione della impresa petrolifera statunitense.

I colori del motorsport

“Molti considerano la livrea Gulf Oil come la più famosa del motorsport – ha detto Joe Hinrichs, presidente Ford Global Operations - la GT40 del 1968 è diventata leggendaria dopo aver battuto in pista i suoi concorrenti europei per quattro volte di fila e in onore del 50° anniversario della sua vittoria abbiamo voluto creare questa edizione limitata”.

Tanti cavalli e carbonio

Spinta dal motore 3.5 V6 EcoBoost biturbo in alluminio da 656 cavalli e 745 newtonmetri di coppia, la Ford GT Heritage Edition 2019 prevede nell’allestimento dettagli in fibra di carbonio ed altri plus: montanti anteriori alleggeriti, cerchi sportivi in alluminio forgiato monoblocco da 20 pollici, pinze freni arancioni e calotte degli specchietti retrovisori argentate.

Abitacolo da corsa

L’abitacolo, rivestito in Alcantara color Ebano con cuciture a contrasto blu e arancione che delineano le imbottiture di sedili e volante, impiega paddle del cambio in alluminio anodizzato, chiaro/lucido, diverse parti in acciaio lucido scuro e finiture in fibra di carbonio opaco sulle i prese d’aria e la console centrale.

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Tanti sono i cavalli oggi offerti dalla speciale versione della supercar americana (+13 rispetto alla precedente). "Abito" in omaggio della vincitrice di Le Mans nel 1968 e 69

· di Redazione

In Canada, la supercar americana, la più potente della storia del brand, ha battuto in un test di velocità mostri sacri come la Rossa e la sportiva inglese

· di Paolo Borgognone

La Casa americana ha deciso di estendere per altri due anni la produzione della dream car in fibra di carbonio. Prenotazioni riaperte a partire dal 2018