Ultimo aggiornamento  17 novembre 2019 01:55

Uber accelera l'ingresso in borsa.

Carlo Cimini ·

Uber nomina Nelson J. Chai come nuovo Chief Financial Officer, segnale che indica una accelerazione dell'ingresso in borsa previsto per adesso per il 2019. Il neo direttore finanziario (ruolo vacante dal 2015, all'epoca ricoperto da Brent Callinicos) sarà al timone dell'operazione che porterà all'offerta pubblica iniziale (Ipo). Una figura dirigenziale necessaria e fondamentale per completare l'ingresso della società nel mercato regolamentato.

Un professionista della finanza

La scelta di assumere Chai è una strategia chiara per rafforzare Uber (valutato circa 70 miliardi di dollari) nei mercati internazionali e Wall Street rappresenta un'ottima vetrina: "Sono davvero entusiasta di poter contare su un professionista esperto come Nelson", ha detto il ceo Dara Khosrowshahi.

Il nuovo manager ha precedentemente ricoperto ruoli dirigenziali presso alcuni importanti gruppi finanziari e assicurativi come Warranty, Merrill Lynch e Nyse Euronext. "Uber è una delle società di tecnologia più iconiche ed entusiasmanti al mondo", ha affermato Chai.

La società, che fornisce un servizio di trasporto automobilistico privato attraverso un'app che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti, potrebbe non toccare l'inarrivabile debutto da record di Facebook ma sicuramente susciterà molto interesse da parte degli investitori.

Tutte le accuse alla società

L'ingresso in borsa per la società con sede a San Francisco è un obiettivo inseguito da tempo ma rinviato dopo le pesanti accuse sulla gestione che hanno portato la scorsa estate alla cacciata dell'amministratore delegato e co-fondatore Travis Kalanick, rimasto tuttavia azionista di controllo. Fra le tante accuse a suo carico, anche quelle di discriminazione di genere.

Uber è poi stata messa più volte sotto accusa in varie aree del mondo per molestie sessuali e violenze da parte di suoi autisti a danno di clienti. Nella scorsa primavera, la società è finita nella bufera per la sperimentazione di auto a guida autonoma insieme a Volvo: un incidente ha coinvolto una sua vettura  governata da un algoritmo provocando la morte di un pedone.

Contemporaneamente alla nomina del direttore finanziario, Uber ha fatto sapere di avere accettato di risarcire 56 dipendenti, vittime di molestie sul posto di lavoro, con 33.900 dollari ciascuno per un totale di 1,9 milioni. Altri 5,1 milioni saranno suddivisi per altri 480 lavoratori.

Tag

Borsa  · Dara Khosrowshahi  · Nelson J. Chai  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Secondo Bloomberg la società di San Francisco sarebbe intenzionata all'acquisto di Deliveroo, una delle principali aziende per la consegna di cibo a domicilio

 

 

 

 

· di Patrizia Licata

Operazione credibilità per la società del ride hailing dopo gli scandali sulla gestione aziendale e il braccio di ferro con tassisti e regolatori

· di Elisa Malomo

Il ceo Dara Khosrowshahi - da un anno al vertice dell'azienda americana - scommette tutto sui mezzi di trasporto a batteria, ideali per i brevi spostamenti in città

· di Gloria Smith

Il ministero del Lavoro degli Stati Uniti fa un censimento dei collaboratori indipendenti, come quelli occupati dalle società del ride hailing. Ma le cifre non tornano

· di Carlo Cimini

Reuters: l'azienda Usa avrebbe drasticamente ridotto (da sette a uno) i sistemi radar che monitorano la zona prossima alle driverless, per risparmiare