Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 06:51

Magneti Marelli, una start up per le autonome.

Valerio Antonini ·

Magneti Marelli, colosso italiano che realizza sistemi tecnologici avanzati per l'automotive, ha annunciato l’acquisizione del 100% delle quote di SmartMeUp, start up francese che sviluppa software specifici per le auto robot e la connettività.

La formalizzazione dell’accordo, in attesa di risolvere alcuni passaggi tecnici, è prevista entro la fine del 2018 quando Magneti Marelli dovrebbe uscire ufficialmente dal gruppo Fca, proseguendo il piano impostato dall'ex ceo del costruttore italo-americano Sergio Marchionne.

Due indizi fanno un prova

L'azienda di Corbetta ha recentemente investito anche in LeddarTech, società canadese esperta di sensori lidar, quelli che danno la "vista" alle driverless.

Le acquisizioni di SmartMeUp e LeddarTech aprono nuove prospettive strategiche verso lo sviluppo di una gamma di veicoli a guida autonoma anche in Italia.

Occhio alla guida

SmartMeUp - che annovera tra i propri clienti importanti brand internazionali come Canon e Nokia - sviluppa software percettivi che elaborano i segnali provenienti dai sensori con l’obiettivo di riconoscere, in tempo reale, gli oggetti nella zona intorno ai veicoli.

Il sistema Vision Intelligence - che svolgerà un ruolo di primaria importanza per i veicoli autonomi - consente la ricostruzione in 3D dell'ambiente circostante e il tracciamento degli ostacoli (anche pedoni) in movimento con una rapidità di calcolo mai vista. Il programma necessita di un processore a bassa potenza, fattore che consente di ridurre drasticamente i consumi di energia e il surriscaldamento dei circuiti.

SmartMeUp ha sviluppato anche un software per il monitoraggio del livello di attenzione del guidatore, requisito che dovrebbe rientrare tra gli Adas (sistemi di sicurezza attiva) obbligatori sulle auto di futura costruzione.

Tag

LeddarTech  · Magneti Marelli  · SmartMeUp  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Un team di chimici presenta "flow battery": un flusso di nano-molecole garantisce un "pieno" all'auto elettrica in pochi secondi e un'autonomia aumentata

· di Redazione

Il Cda del gruppo annuncia la separazione dall'azienda di componentistica, prevista tra la fine del 2018 e il 2019. In arrivo anche la quotazione alla Borsa di Milano

· di Patrizia Licata

Calano i costi e cresce il mercato dei sistemi di telerilevamento degli oggetti tramite laser, che aiutano a frenare e a tenere le distanze