Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 17:59

Adaptive Cruise Control, relax in viaggio (VIDEO).

Giovanni Passi ·

L’Adaptive Cruise Control (controllo della velocità di crociera adattivo), oltre ad altri sistemi di assistenza alla guida (Adas), riduce lo stress a bordo e il traffico nelle strade. È il risultato dello studio condotto dai ricercatori della Vanderbilt University in collaborazione con il costruttore americano Ford.

L’obiettivo della ricerca è dimostrare come la tecnologia delle auto di nuova generazione possa realmente aiutare il conducente e ridurre il rischio di incidenti, specialmente durante lunghe e stancanti percorrenze autostradali.

Prove nel traffico

Nell’esperimento della Vanderbilt University, 36 driver hanno simulato in pista il normale traffico autostradale con l’utilizzo del cruise control adattivo, per poi ripetere i test senza l’aiuto della tecnologia. I comportamento delle vetture variava a seconda della presenza dei sistemi di assistenza alla guida: con il cruise control attivato, le frenate sono più graduali e progressive, mentre manualmente l’arresto risulta mediamente più brusco e improvviso, a discapito del confort a bordo. Inoltre, la ripartenze con il cruise control sono sempre puntuali, al contrario, con i sistemi disattivati, la guida è viziata da distrazioni e arresti inutili.

Risultati soddisfacenti per Ford e i ricercatori dell’Università del Tennessee, a dimostrazione che la spesa per i sistemi Adas è sempre ben speso, specialmente per chi viaggia molto. “Per anni, i ricercatori e gli ingegneri hanno cercato tecnologie intelligenti per ridurre la congestione del traffico, che si tratti di veicoli in grado di comunicare tra loro o di prevedere la strada da percorrere”, ha dichiarato Daniel Work, professore di ingegneria civile presso la Vanderbilt University. “Questa dimostrazione è stata un’opportunità unica per capire come le tecnologie di assistenza alla guida già disponibili in commercio, possano essere utilizzate per influenzare positivamente il flusso di traffico".

Ti potrebbe interessare

· di Gloria Smith

Arriva il primo corso su automobili e sicurezza per le cittadine dell'Arabia Saudita. Che da giugno 2018 possono mettersi al volante