Ultimo aggiornamento  08 agosto 2020 22:04

Los Angeles, pulizie all'italiana.

Gloria Smith ·

A Los Angeles le piste ciclabili si puliscono con il mini-veicolo elettrico D.zero di Dulevo, azienda di Parma che ha prodotto la sua prima spazzatrice stradale a zero emissioni, super-compatta, facilmente manovrabile e capace di coprire un intero turno lavorativo senza dover ricaricare. L'amministrazione della metropoli californiana, molto attenta alla mobilità alternativa e alla sostenibilità ambientale, ha acquistato una Dulevo D.zero e la sta testando con l'intenzione di espandere la flotta di veicoli a batteria che tengono pulite le piste ciclabili dell'intera area metropolitana.

Made in Italy che piace negli Usa

Fondata a Parma nel 1976, Dulevo vende oggi i suoi veicoli per la pulizia commerciale, industriale e urbana in 80 paesi. La spazzatrice elettrica D.zero è stata presentata durante l'ultima edizione di Ecomondo; ha attratto l'interesse di diverse amministrazioni pubbliche, italiane ed estere, e ha contribuito a far notare Dulevo su nuovi mercati, tra cui gli Stati Uniti. Quest'anno Dulevo ha venduto alla città di Denver, in Colorado (dopo aver vinto una gara pubblica) 23 unità del modello 6000 High Dump per la pulizia urbana, caratterizzato da alta efficienza energetica.

Un primato fondato sulla ricerca

Dulevo ha sviluppato per le sue macchine un sistema di spazzamento che ha come obiettivo principale l'abbattimento delle emissioni di polveri sottili (PM10) e della rumorosità. E' anche l’unica azienda al mondo ad aver messo a punto una spazzatrice meccanico-aspirante alimentata a gas metano. La D.zero è il suo primo modello elettrico ed è pensato per i centri storici o gli spazi ristretti, come le corsie delle piste ciclabili di Los Angeles separate dal resto della carreggiata stradale. 

Tag

Denver  · Dulevo  · Dzero  · Los Angeles  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Il capo delle politiche per la sostenibilità, Lauren Faber O’Connor, dichiara guerra all’inquinamento e si prepara alle Olimpiadi 2028. Trump permettendo