Ultimo aggiornamento  18 marzo 2019 14:52

Fca, azzerato il debito.

Massimo Carati ·

Nel giorno della morte di Sergio Marchionne si concretizza uno dei suoi obiettivi principali: l’azzeramento del debito di Fca. I dati della trimestrale parlano di una liquidità netta industriale al 30 giugno 2018 di 456 milioni di euro. L’indebitamento a fine 2017 era quasi di 2,4 miliardi. Target a dire il vero già annunciato in modo informale lo scorso 1 giugno proprio da Marchionne nella presentazione del piano industriale 2018-2022.

Nel secondo trimestre i ricavi si fermano a poco meno di 29 miliardi (+4% rispetto allo stesso periodo del 2017, +11% considerando – scrive Fca – l’effetto valuta) e nel complesso da inizio anno sono a 56 miliardi. L’utile da aprile a giugno è di 754 milioni, in calo del 35% rispetto al 2017 mentre nel semestre arriva a 1,775 miliardi (-1%). Il valore “adjusted” è di 2,019 miliardi in crescita del 15%.

Per il risultato 2018 Fca conferma l'obiettivo di un utile netto “adjusted” di 5 miliardi. Scendono le stime sui ricavi netti: invece che 125 miliardi saranno tra 115 e 118 miliardi. Così come per l'ebit adjusted: a 7,5 - 8 miliardi invece degli 8,7 miliardi previsti. E per la liquidità netta industriale: 3 miliardi anziché 4 miliardi.

Tag

Business  · FCA  · Marchionne  · 

Ti potrebbe interessare

· di Massimo Carati

Il nuovo ceo del gruppo presentando i risultati del secondo trimestre dell'anno ha ricordato Sergio Marchionne e confermato tutti gli obiettivi previsti dal piano 2022.

· di Francesco Paternò

Scompare a soli 66 anni il manager italiano formatosi in Canada. Ha salvato la Fiat due volte, ha creato Fiat Chrysler, ha guidato la Ferrari. Cosa lascia

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Il nuovo ceo del gruppo avrà il (difficile) compito di elettrificare tutta la gamma dei diversi marchi, portando a compimento il piano industriale 2018-2022 di Sergio Marchionne

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Con l’avvicendamento di Sergio Marchionne, le redini del gruppo passano nelle mani del top manager inglese. Ecco i piani previsti per Alfa Romeo, Jeep e Maserati

· di Redazione

Gli analisti della banca d'affari americana reputano il manager inglese in grado di guidare Fca. Fondamentale però trovare al più presto partner tecnologici e industriali

· di Massimo Carati

Il capo di Jeep è la soluzione interna scelta per la successione dell'attuale ceo del gruppo Fiat Chrysler costretto ad abbandonare la posizione in anticipo per problemi di salute