Ultimo aggiornamento  19 luglio 2019 10:42

ACI in ricordo di Marchionne.

Redazione ·

"Una notizia che avremmo voluto non sentire. Sergio Marchionne è morto". Sono parole sentite quelle con cui Angelo Sticchi Damiani, presidente dell'Automobile Club d'Italia, ricorda l'ex ceo di Fca nel giorno della sua scomparsa. 

Famiglia unita

Nella nota ufficiale del sodalizio Sticchi Damiani parla a nome della "intera famiglia dell'automobile, italiana e non" e ricorda i valori trasmessi dal manager italo-canadese, sottolineandone "umanità e personalità" tanto nei rapporti personali quanto nello svolgimento delle sue funzioni.

Da ceo del più importante gruppo industriale italiano, dice ancora il presidente ACI, "ha ridato certezze e speranze a migliaia di lavoratori Fca, nel nostro Paese e nel mondo". Lungo è l'elenco dei marchi a cui - prosegue il comunicato - l'opera di Sergio Marchionne ha contribuito a dare nuova linfa, da Fiat a Maserati, da Alfa Romeo e Jeep fino a Ferrari. 

Fiducia nei vertici

Dopo aver confermato la vicinanza alla famiglia e ai cari del manager scomparso, Sticchi Damiani ha parole di grande fiducia verso i vertici del gruppo Fca, in particolare per John Elkann e il ceo Michael Manley ai quali, assicura il presidente dell'Automobile Club d'Italia, non mancherà il sostegno suo e dell'ACI, "nella certezza che sapranno proseguire senza incertezze sulla strada tracciata da Sergio Marchionne". 

Tag

ACI  · FCA  · Marchionne  · Micheal Manley  · Sticchi Damiani  · 

Ti potrebbe interessare

· di Massimo Carati

Il nuovo ceo del gruppo presentando i risultati del secondo trimestre dell'anno ha ricordato Sergio Marchionne e confermato tutti gli obiettivi previsti dal piano 2022.

· di Francesco Paternò

Scompare a soli 66 anni il manager italiano formatosi in Canada. Ha salvato la Fiat due volte, ha creato Fiat Chrysler, ha guidato la Ferrari. Cosa lascia