Ultimo aggiornamento  25 agosto 2019 04:47

Genova Voltri, scoperto giro di gomme false.

Marina Fanara ·

Un sequestro di portata storica quello effettuato da Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane nel porto di Genova Voltri: 5 container pieni di pneumatici contraffatti, provenienti dalla Cina e destinati a un distributore autorizzato, la Star Tyre di Cesano Maderno nel milanese, pronti a essere smerciati come gomme "a regola d'arte" attraverso rivenditori ufficiali.

Data di nascita posticipata

L'operazione, denominata "Aquaplaning", è frutto di un'indagine avviata lo scorso dicembre quando, nel corso delle consuete "attività di controllo e monitoraggio dei flussi marittimo-commerciali nello scalo di Voltri", gli uomini delle Fiamme Gialle e della Dogana hanno scoperto il carico "sospetto". Il primo indizio era la data di produzione riportata sui pneumatici: gennaio 2018, ben oltre la reale fabbricazione e lo sbarco nello scalo ligure.

Il fiuto delle Fiamme Gialle

"Svolgiamo quotidianamente controlli capillari sulle merci in transito, perché il rischio contraffazione è molto alto, soprattutto per le merci dall'est asiatico, su ogni tipologia di merce", ci spiega il colonnello Mario Leone Piccinni, comandante del II Gruppo della Guardia di Finanza di Genova, "per quanto riguarda questa partita, avevamo dei sospetti che poi si sono rilevati fondati".

Quasi 5.000 gomme fasulle

Le indagini condotte da dicembre a oggi dalla Procura di Genova hanno appurato che il carico di pneumatici, un totale di 4.942 gomme per automobili e mezzi pesanti, era illegale non solo perché riportava false informazioni di fabbricazione (la data posticipata, appunto) ma anche perché venivano certificati requisiti di sicurezza non rispondenti alle norme vigenti in materia e molto pericolosi per la salvaguardia della circolazione.

Taroccate a regola d'arte

"Si tratta di gomme contraffatte a tutti gli effetti", ci dice ancora il Comandante Piccinni, "spacciate come originali nel logo e nella marca (si parla, per esempio, di modelli Windforce e Cratos, presenti sul mercato, ndr), che solo perizie accurate hanno permesso di "smascherare". Ma quel che è peggio è che erano certificate come gomme invernali, del tipo M+S, quando, in realtà, non avevano neanche i minimi requisiti costruttivi e prestazionali tali da garantire la tenuta sull'asfalto in condizioni meteo avverse come, appunto, neve e pioggia".

Business da 1 milione e 200 mila euro

Stando così le cose, il dubbio degli inquirenti è che illeciti del genere siano stati ripetuti anche in passato: insomma, che nei mesi scorsi, partite di gomme contraffate siano finite sul mercato a uso e consumo di ignari automobilisti. Nel frattempo, Fiamme Gialle e Dogane hanno ritirato dal mercato la partita di gomme illegali che avrebbe fruttato all'importatore lombardo, denunciato a sua volta all'autorità giudiziaria, ben 1 milione e 200 mila euro.

Attentato alla sicurezza

"A quanto mi risulta", conclude il colonnello Piccinni, "l'Italia è il primo Paese al mondo ad aver bloccato un fenomeno di tale portata e scoperto un circuito fraudolento e preoccupante non solo per la sua dimensione economica legata alla contraffazione, ma soprattutto per il pericolosissimo impatto sulla sicurezza".

Tag

Genova  · Guardia di Finanza  · Pneumatici  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Dai controlli della Polizia emerge che il 22% di riparatori e rivenditori opera fuori dalle regole. Sicurezza a rischio, gli operatori richiamano tutti alla massima attenzione

· di Marina Fanara

Il comune ligure corre ai ripari con un piano per incentivare l'auto elettrica, l'uso della bici, il filobus e perfino la nave-condivisa

· di Marina Fanara

Un'auto su cinque viaggia con pneumatici non in regola, un fenomeno in progressiva crescita. E' quanto emerge dall'ultima edizione di "Vacanze sicure"