Ultimo aggiornamento  19 giugno 2019 09:56

Innovazione, l’Europa spende di più.

Giovanni Passi ·

L’Europa è il primo investitore al mondo nell’innovazione del settore automotive: nel 2017 più di 54 miliardi stanziati in ricerca e sviluppo. Un primato importante per l’economia del vecchio Continente che rischia, però, di dipendere eccessivamente dalle scelte di Pechino. Molte delle iniziative intraprese dai costruttori europei vengono infatti decise e finanziate dai colossi high tech cinesi, secondo alcuni i veri protagonisti dell’innovazione nell’Unione.

Le alleanze

Bmw ha recentemente siglato un accordo del valore di un miliardo di euro con Amperex, uno dei maggiori produttori di batterie a ioni di litio in Cina. L’obiettivo della partnership è quello di costruire uno stabilimento in Europa, per far fronte alla crescente domanda di veicoli elettrici. L’European Battery Alliance, il progetto di Bruxelles per la creazione di un fornitore comunitario di propulsori elettrici, continua ad essere solo un’idea, difficilmente realizzabile data la competitività delle aziende asiatiche.

Stesso destino per gruppo Bolloré. I vertici della holding francese hanno da poco concluso un accordo con i cinesi di Alibaba per lo sviluppo in comune di diversi progetti high tech, tra cui la produzione di batterie per le auto elettriche.

Tag

Cina  · Innovazione  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Il gigante cinese di e-commerce, insieme alla multinazionale Foxconn, stanzia circa 280 milioni di euro per XPeng Motors, società di veicoli a batteria