Ultimo aggiornamento  17 dicembre 2018 19:06

Renault e Psa, derby sul car sharing.

Redazione ·

Renault e Psa in gara per prendere il posto di Autolib', il servizio di car sharing elettrico di Parigi che chiude i battenti per difficoltà economiche insormontabili. Il derby tra i costruttori transalpini vede per ora in vantaggio quelli di Renault che hanno annunciato un piano insieme alla amministrazione pubblica della città. 

L'offerta Renault

Il gruppo di Boulogne-Billancourt lancerà la prima fase del suo progetto a settembre di quest'anno. Si tratterà di un'offerta modulare che comprenderà un sistema di car sharing elettrico a flusso libero a cui si affiancherà anche una proposta dedicata al noleggio a medio termine. 

Tutto il programma di Renault sarà 100% elettrico e verrà realizzato con le auto a batteria del gruppo: Zoe, Twizy, Kangoo Z.E. e Master Z.E. L'intera flotta dovrebbe contare circa 2.000 vetture che saranno in strada entro la fine del 2019. 

La capitale francese e Renault hanno poi concordato di sviluppare insieme un nuovo capitolo, istituendo un gruppo di lavoro che coinvolga altre municipalità e costruttori: obiettivo sarà quello di ripensare completamente la mobilità nei grandi centri urbani, venendo incontro sia alle richieste dei cittadini che alle necessità ambientali. 

Psa risponde

Psa, però, non sta a guardare e ha giocato d'anticipo con l'annuncio dell'imminente arrivo nella capitale francese di Free2move Paris, un servizio di car sharing sostenibile dedicato alla Ville Lumiere, sulla falsariga delle analoghe offerte che già il gruppo ha in 10 Paesi, con un flotta di oltre 65mila veicoli. Il via dovrebbe arrivare entro l'ultimo trimestre dell'anno in corso grazie a 500 auto elettriche dei marchi Peugeot e Citroen

Tag

Autolib'  · Car Sharing  · Parigi  · PSA  · Renault  · 

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Nella città di Breslavia il servizio di auto a batteria condivise raggiunge quota 30mila utenti dopo solo un anno di attività. La flotta è composta da veicoli Nissan

· di Francesco Giannini

Il gruppo francese potrebbe realizzare una flotta di veicoli in condivisione a flusso libero nella capitale. Primi contatti con il sindaco Hidalgo