Ultimo aggiornamento  25 giugno 2019 10:50

LeBron James, l'auto va a canestro.

Paolo Borgognone ·

Firmare un accordo da 153,3 milioni di dollari (circa 130 milioni di euro) non è un cosa da tutti i giorni. Come non lo è trasferirsi armi e bagagli (e auto al seguito, nel suo garage come vedremo ce ne sono a dozzine) dalla piovosa Cleveland, Ohio, all'assolatissima Los Angeles. E' quello che sta succedendo a Lebron Raymond James Sr, 34enne giocatore di basket Usa che ha scelto - dopo aver lasciato cadere l'opzione di firmare un prolungamento del suo contratto coi Cavaliers di Cleveland - di giocare dalla prossima stagione con i leggendari Los Angeles Lakers, di proprietà dell'ex campione Magic Johnson. 

Un garage da sogno 

Basta fare un giro su YouTube per trovare decine di filmati dedicati a LeBron James e alla sua quasi ineguagliabile collezione di vetture di ogni genere. Che per i prossimi quattro anni almeno faranno bella mostra di sé sulle strade della California. Vediamone alcune. 

Quello che molti considerano il pezzo forte della collezione è una Lamborghini Aventador Roadster. Già di suo una supercar che però in questo caso è davvero super. A realizzarla, infatti, sono stati alcuni affermati designer della Florida, Lou La Vie, Rich B. Caliente and Toys for Boys Miami. La fuoriserie è vestita di una livrea speciale creata per celebrare l'uscita nei negozi di tutto il mondo delle "LeBron 11", una delle tante offerte di scarpe sportive griffate col nome del campione nativo di Akron. 

La "car collection" del giocatore - che vestirà il giallo-viola di Los Angeles a partire da quest'anno, comprende anche - fra le altre - due Porsche 911 Turbo S (una bianca e una nera), un Hummer H2, una Mercedes S63 Amg, due spider Ferrari - 430 e 458 - una Dodge Challenger Srt, due Maybach - 57S e s600 - una Jeep Wrangler, una Chevrolet Camaro SS e, dulcis in fundo, una spettacolare Chevrolet Impala Convertible. 

Un uomo, un'azienda

LeBron James non è solo un giocatore di basket. E' un'azienda. Tra i soldi guadagnati giocando - e vincendo - sui parquet della Nba (l'elenco dei suoi record è più lungo perfino di quello delle fuoriserie che ha acquistato) e quelli per le sponsorizzazioni si stima che conti su un patrimonio di ben oltre i 300 milioni di dollari. Stiamo parlando del terzo sportivo più pagato al mondo nel 2016 (dopo Cristiano Ronaldo e Leo Messi).

Il prescelto 

E pensare che, come spesso succede negli Usa, gli inizi sono stati davvero duri. James - soprannominato "The Chosen One", il prescelto - è nato il 30 dicembre del 1984, quando sua madre Gloria aveva soltanto 16 anni. Del padre si sa poco, se non che aveva una fedina penale piuttosto lunga. Grazie alla sua incredibile presenza fisica - 2 metri e 03 di altezza, 115 chilogrammi - era già una promessa del football. LeBron giocava wide receiver per la St Vincent & St Mary School - fino a che, al secondo anno di liceo, la frattura di una mano non lo costrinse a cambiare sport. 

LeBron ha vinto quattro volte la classifica di giocatore dell'anno nel basket professionistico. Meglio di lui solo Kareem Abdul Jabbar (sei titoli), Bill Russell e Michael Jordan (5 vittorie). Al collo ha anche due ori olimpici, Pechino 2008 e Londra 2012 ed è stato il secondo di sempre - dopo Michael "Air" Jordan - a vincere nello stesso anno il titolo Nba, il premio come miglior giocatore del campionato e le Olimpiadi. 

James è anche il co-fondatore di una cosa di produzione cinematografica, la SpringHill Entertainment e di una specializzata nella realizzazione di video digitali, la Uninterrupted. Fra i suoi interessi anche il calcio: LeBron è socio di minoranza nella proprietà americana della squadra di calcio inglese del Liverpool.

 

Tag

LeBron James  · Liverpool  · Los Angeles  · Nba  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La storia di uno dei giocatori che hanno portato i Toronto Raptors a vincere il campionato professionistico Usa di basket: partendo da un autolavaggio e una tragedia

· di Paolo Borgognone

Il colosso informatico è il primo a realizzare una pubblicità di 30 secondi per le auto driverless. Protagonista il campione di basket LeBron James