Ultimo aggiornamento  25 agosto 2019 05:10

Tesla, missione possibile.

Sergio Benvenuti ·

"Ce l'abbiamo fatta". Elon Musk ha comunicato ai dipendenti e a tutti i suoi follower sui social che a fine giugno finalmente la Model 3 - l'auto che dovrebbe aprire il mercato delle elettriche al grande pubblico - ha toccato la quota di 5mila esemplari prodotti in una settimana. Un obiettivo originariamente fissato per dicembre dello scorso anno ma che, per vari motivi, era sembrato quasi irraggiungibile fino a poche settimana fa. 

Erano mesi che praticamente ogni giorno si inseguivano notizie su ritardi, difficoltà, mancanza di materie prime. Lo stesso Musk - che aveva anche parlato di "inferno produttivo" da attraversare per Tesla - a un certo punto ha deciso di trasferirsi presso gli stabilimenti di Fremont, in California per essere più vicino alla linea produttiva. Che è stata ampliata anche con l'uso di un tendone e che ha richiesto anche l'impiego di un numero sempre crescente di addetti.  

Quota totale a 7mila

La soddisfazione di Musk è stata accresciuta anche dal fatto che, mentre si confezionava la Model 3 numero 5mila della settimana, sempre a Fremont sono state prodotte anche altre 2mila vetture, Model S e Model X, portando la quota totale a 7mila. "Siamo diventati una vera Casa costruttrice", ha scritto il ceo nella sua lettera ai dipendenti. 

La notizia era molto attesa anche dagli investitori: secondo gli analisti di Moody's, Tesla avrebbe bruciato un miliardo di dollari nel primo trimestre 2018 rischiando di non avere abbastanza denaro in cassa per fare fronte alle spese previste a inizio 2019 (circa 3,7 miliardi di dollari). Ma la Casa californiana ha sempre risposto che una volta raggiunta quota 5mila unità a settimana, gli incassi delle Model 3 avrebbero coperto le spese. Vedremo.

Tag

Elon Musk  · Model 3  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Passi

Il costruttore americano riceve la fiducia dei mercati azionari, nonostante continui a bruciare capitali: dopo la trimestrale il titolo guadagna oltre il 10%

· di Giovanni Passi

Il costruttore ha consegnato l'auto numero 200mila negli Usa. Ma d'ora in poi il credito d’imposta per i clienti che comprano l'elettrica diminuirà progressivamente

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Elon Musk trova l'accordo: entro il 2020 nuovo stabilimento a Shanghai da 500mila veicoli all'anno per evitare anche i dazi di Pechino

· di Paolo Odinzov

Il costruttore americano ha scelto l'evento inglese per il debutto europeo della berlina elettrica, dopo aver (forse) risolto il nodo dei tempi di produzione

· di Sergio Benvenuti

Sei metri in meno per andare da 100 chilometri orari a 0. Dopo la bocciatura di Consumer Reports, gli ingegneri di Elon Musk hanno aggiornamento il software da remoto