Ultimo aggiornamento  15 settembre 2019 18:11

Panasonic a secco di batterie.

Giovanni Passi ·

Yoshio Ito, responsabile della divisione automotive di Panasonic, ha annunciato una possibile carenza di batterie a seguito dell’aumento produttivo - atteso molto a lungo e diventato oggi evidentemente un fatto concreto - della Model 3 di Tesla.

Il colosso giapponese è fornitore esclusivo delle società di Musk, il quale ha recentemente confermato gli obiettivi produttivi per la sua vettura destinata al mass market: 5mila esemplari a settimana. E pare proprio che stavolta ci stia riuscendo. 

L'energia non basta mai 

Quando la produzione di Model 3 sarà effettivamente di 5mila esemplari a settimana la richiesta di batterie sarà pari a 375 megawatt ogni sette giorni, circa 20 Gigawatt all'anno. Senza contare naturalmente, l'energia necessaria per i Powerpack e i Powerwall. 

Ma i piani di Tesla sono ben più ambiziosi: la richieste di energia, infatti potrebbe toccare i 105 gigawatt solo alla Gigafactory in Nevada dove Panasonic ha uno spazio per produrre batterie. In totale i giapponesi dovrebbero fornire 150 gigawatt l'anno. Per far questo dovranno utilizzare anche accumulatori prodotti nella madrepatria. 

Intanto Panasonic ha iniziato a collaborare anche con Toyota per sviluppare congiuntamente le batterie per i veicoli elettrici del costruttore giapponese.

Tag

Batterie  · Panasonic  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

I due colossi giapponesi pronti a lanciare la joint venture che realizzerà batterie per le elettriche. Obiettivo è aumentare la produzione e competere con i cinesi

· di Giovanni Passi

Il colosso giapponese investirà 1,8 miliardi di dollari per ampliare lo stabilimento statunitense dove vengono prodotte le batterie per le vetture di Elon Musk

· di Patrizia Licata

L'azienda cinese della provincia di Fujian - fornitore di accumulatori per i grandi costruttori - si è quotato in Borsa. Con nuovi capitali va alla conquista dell'Europa