Ultimo aggiornamento  16 settembre 2019 16:46

May Mobility, autonome a Detroit (VIDEO).

Samuele Maria Tremigliozzi ·

La start-up May Mobility inaugura a Detroit il primo servizio di navette senza conducente per il trasporto dei dipendenti di Bedrock, nota società di gestione immobiliare di proprietà del discusso miliardario americano Dan Gilbert. Al contrario di quanto si possa pensare il progetto non è stato finanziato dalle tre grandi Case produttrici americane (Chrysler, Ford e Gm) che hanno la sede in città, bensì da Bmw e Toyota.

Esperienza universitaria

I minivan sono stati collaudati nel campus universitario di Ann Arbor, luogo natale della start-up. Durante le fasi di sperimentazione i veicoli venivano utilizzati per trasportare gli studenti lungo le strade che collegano i padiglioni delle diverse facoltà. Le navette - ora definitivamente operative - possono ospitare un massimo di 6 passeggeri e formare una rete di trasporti ideale per spostamenti di breve durata in aree geolocalizzate.

Un buon auspicio

"La partnership con Bedrock dimostra come i nostri veicoli possono aiutare ad affrontare problemi concreti, come quelli legati alla mobilità di chi lavora" ha dichiarato Edwin Olson, amministratore delegato, co-fondatore di May Mobility e professore di ingegneria informatica dell'Università del Michigan, che aggiunge: "La nostra tecnologia ci consente di superare i servizi tradizionali, con un’offerta migliore e più efficiente".

Tag

Bedrock  · Detroit  · May Mobility  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

I due colossi dell'auto finanziano con quasi 10 milioni di euro complessivi la startup statunitense che gestisce una flotta di navette driverless