Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2019 01:46

Audi e Hyundai, insieme per l’idrogeno.

Samuele Maria Tremigliozzi ·

Audi e Hyundai hanno annunciato un accordo di cross licensing per lo sviluppo in cooperazione di veicoli ad idrogeno. Il cross licensing è una particolare forma contrattuale in cui le parti si concedono reciprocamente (cross) una o più licenze (licensing) per lo sfruttamento di rispettivi brevetti

L’accordo è al vaglio delle autorità di regolamentazione, impegnate a verificarne la trasparenza e la conformità con le norme vigenti in materia di concorrenza.

Il fattore “H”

Audi è interessata da diversi anni allo sviluppo di propulsori a idrogeno. La prima proposta del costruttore tedesco fu l’Audi A2H2 compatta presentata nel 2004, seguita dalla Audi Q5 HFC nel 2008. Nel 2014, Audi introdusse il suffisso "h-tron” per i modelli mossi da celle combustibile, in occasione del lancio della A7 Sportback del 2014. Il concept Audi h-tron quattro, presentato nel 2016, ha ulteriormente dimostrato la competenza tecnologica e l’interesse del marchio nella tecnologia delle celle a combustibile.

Il costruttore di Ingolstadt ha dichiarato che i risultati degli sforzi congiunti con Hyundai saranno visibili con il lancio di un nuovo suv a idrogeno di grandi dimensioni.

Le dichiarazioni

“I propulsori a idrogeno rappresentano una componente determinante del nostro portafoglio tecnologico per la nascita di mobilità a zero emissioni”, ha dichiarato Peter Mertens, membro del consiglio di amministrazione per lo sviluppo tecnico presso Audi. Relativamente alle modalità dell’accordo, ha aggiunto, “la cooperazione è il modo più intelligente per innovare".

Dall’altra parte, Euisun Chung, vicepresidente della Hyundai Motor Company  si dichiara entusiasta di collaborare con i tedeschi: “Siamo fiduciosi che la nostra partnership con Audi ci permetterà di realizzare la nostra vision di una mobilità sostenibile, a beneficio della collettività.”

Tag

Audi  · Hyundai  · Idrogeno  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Giannini

La città portuale nel sud del Paese offre incentivi pari quasi a metà del prezzo totale per chi acquista auto a celle di combustibile

· di Sergio Benvenuti

Il costruttore coreano investe nell'azienda tecnologica svizzera WayRay per sviluppare il sistema di navigazione con display olografico

· di Paolo Borgognone

Viaggio in augurale in Bassa Sassonia per il Coradia ILint della Alstom. 140 all'ora di velocità e mille chilometri di autonomia senza emissioni e rumore

· di Patrizia Licata

Presentato FE Fuel Cell Concept, tecnologia evoluta per i prossimi veicoli a celle a combustibile della Casa coreana. Più autonomia e comfort a emissioni zero