Ultimo aggiornamento  19 giugno 2019 09:02

Mercedes, rivoluzione in Classe C.

Edoardo Nastri ·

LUSSEMBURGO - Più di un restyling. La Mercedes Classe C si rinnova, aggiornando equipaggiamenti, motorizzazioni e qualche dettaglio estetico. Un modello fondamentale per la casa della Stella che dal 1982, anno del debutto della berlina 190, ha venduto ben 9,5 milioni di Classe C, di cui 415 mila solo nel 2017. Una vera e propria rosa sotto la stessa lettera visto che le varianti di carrozzeria disponibili sulle “C” oggi sono ben quattro: berlina a tre volumi, station wagon, coupè e cabriolet.

Cosa cambia dentro e fuori

La Classe C non è cambiata molto negli esterni. Si nota un perfezionamento del design che l’ha resa più sportiva, soprattutto nelle zone del frontale, grazie ai nuovi fari a Led High Performance o Multibeam, e della coda. Oltre a questo, sono disponibili nuovi cerchi in lega e colorazioni rinnovate.

L’aggiornamento degli interni ha previsto una modifica sostanziale del sistema multimediale. La vera novità si trova di fronte agli occhi del guidatore che può scegliere come optional uno schermo digitale da 12,3 pollici completamente riconfigurabile. E’ cambiato anche il display centrale sopra la consolle: oltre ad avere una forma più rettangolare ora misura 10,2 pollici e ne è stata aumentata la risoluzione. La classe C dispone inoltre di comandi touch control al volante che, come la superficie di uno smartphone, reagiscono ai gesti di scorrimento.

Niente MBUX

Per quanto riguarda i “gadget” tecnologici, legati all’interazione tra vettura e conducente, siamo ancora lontani dai livelli dell’MBUX che abbiamo provato sulla Classe A. Per averlo a disposizione sulla C dovremo aspettare qualche anno per il debutto della nuova generazione. Per il capitolo sicurezza attiva e passiva del conducente, il pacchetto Intelligent Drive contiene tutti gli ultimi sistemi di assistenza alla guida. Dal cruise control adattivo all’assistenza allo sterzo attiva per il cambio di corsia, alla frenata automatica di emergenza.

Ibrida leggera

La vera rivoluzione è avvenuta sotto al cofano. Per la prima volta assistiamo a una ibridizzazione della gamma “C” attraverso l’utilizzo di sistema mild hybrid accoppiato al nuovo motore da 1,5 litri e 184 cavalli. Continuando con i benzina sono offerti due 1,6 l rispettivamente da 129 e 156 cavalli, un 2 litri (C 300) da 258 cavalli e un solo 6 cilindri, escludendo la versione AMG 43, da 333 cavalli e con la trazione integrale 4 Matic (C 400). Ampia anche l’offerta dei diesel. Debutta il nuovo 1,6 in due livelli di potenza, da 125 (C 180d) o 160 cavalli (C 200d). Due i 2,0, uno da 150 cavalli e il top di gamma da 194 cavalli (C 220d). Prezzi a partire da 37.178 euro per l’entry level della versione berlina con motorizzazione diesel.  

Tag

Mercedes  · Mercedes Classe C  · mild hybrid  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

La quarta generazione della berlina tedesca fa tendenza con l’uso di intelligenza artificiale. Come la prima, con cui è entrata nel mondo delle piccole

· di Luca Gaietta

La Casa tedesca svela al Salone di Ginevra la versione aggiornata della sua media nelle varianti berlina e wagon. Cambiano estetica e dotazioni