Ultimo aggiornamento  17 novembre 2018 01:12

Uber e Lyft, tetto ai prezzi.

Francesco Giannini ·

L’amministrazione locale di Honolulu ha approvato una misura che impone un tetto massimo al costo dei servizi di ride-hailing, Uber e Lyft soprattutto, accusati di approfittare della loro posizione per rialzare indebitamente i prezzi in determinate situazioni. 

Tutto nasce dalle lamentele di alcuni clienti che hanno dovuto pagare tariffe più alte rispetto al normale. Il comportamento si sarebbe ripetuto soprattutto in occasione di weekend, servizi notturni, festività o in concomitanza con manifestazioni come affollati concerti o eventi sportivi. 

Le due applicazioni “concorrenti” californiane si sono dichiarate, però, “libere di operare con tariffe svincolate dalle imposizioni dei governi” mentre uno degli operatori del servizio si è giustificato: “i prezzi dei viaggi sono concordati e risultano proporzionati tra la domanda e l’offerta. Inoltre i clienti sono liberi di rinunciare e cercarsi un altro guidatore”.

Intanto a New York…

Non arrivano buone notizie nemmeno dalla Grande Mela. Qui il servizio di ride hailing si è diffuso a macchia d’olio e per questo deve fare i conti con molti "nemici" come la lobby dei tassisti e, recentemente, la stessa amministrazione comunale. E' stato infatti presentato un progetto di legge che vorrebbe limitare il numero massimo di veicoli "in affitto" circolanti in città, vietare ai driver di operare per conto di entrambe le aziende e imporre una “tassa” di 2.000 dollari all’anno per la licenza. Staremo a vedere.

Tag

Hawaii  · Honolulu  · Lyft  · New York  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Nonostante le difficoltà in molte parti del mondo, la società Usa di ride hailing ha raddoppiato le corse rispetto all'ottobre 2017. Oggi è attiva in 21 Paesi

· di Redazione

In secondo grado, il tribunale del lavoro inglese conferma la condanna per la società Usa: dovrà pagare i giorni di ferie e malattia come agli assunti