Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2018 20:52

Russia 2018, in bici per beneficenza.

Colin Frisell ·

LONDRA - C'è chi pur di essere ai presente ai mondiali di calcio di Russia 2018, che si aprono tra poche ore, è disposto a farsi tutta la strada in bicicletta. Magari per beneficenza. E' il caso del "Whistle Stop Tour", un gruppo di appassionati sportivi delle due ruote con alla testa l'arbitro internazionale Martin Atkinson e il suo collega Jon Moss.

I coraggiosi amanti della bici sono partiti da St.George Park nello Staffordshire - sede del ritiro della nazionale inglese - per raggiungere Kaliningrad dopo 18 giorni di viaggio e 2.735 chilometri in sella. L'arrivo è previsto per il 28 giugno, il giorno in cui nella città russa è in programma la terza partita del girone che vede impegnata l'Inghilterra, contro il Belgio. Il tour attraverserà Francia, Belgio, Olanda, Germania e Polonia. 

Pedalare per beneficenza

L'iniziativa - che fa seguito a quella degli ultimi due anni nel corso dei quali il  "Whistle Stop Tour" ha toccato tutti e 20 gli stadi in cui si gioca la Premiere League inglese - è nata per raccogliere fondi per quattro organizzazioni benefiche che si occupano in particolare di bambini e persone anziane malate. Gli organizzatori si augurano di arrivare a raccogliere oltre 70.000 euro

"Sarà una grande sfida - ha detto Atkinson al momento di lasciare il ritiro della nazionale salutato dal ct Gareth Southgate - ma ci siamo preparati per anni e, proprio come partecipare a un mondiale, sarà un'esperienza eccitante e ineguagliabile". 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La capitale russa è la più inquinata delle metropoli europee, secondo Greenpeace. Troppe auto in circolazione, allarme rosso per lo smog

· di Paolo Borgognone

Venduta per sostenere il Teenage Cancer Trust, la Wraith disegnata da Roger Daltrey degli Who e ispirata al più noto successo del gruppo rock da 100 milioni di dischi