Ultimo aggiornamento  23 settembre 2019 22:24

Nio pronta per Wall Street.

Giovanni Passi ·

E’ tempo per Nio di fare il grande passo: dopo aver consultato otto banche internazionali, entro la fine dell’estate 2018 la start-up di Shanghai quoterà le sue azioni per la prima volta (tecnicamente questa mossa si chiama Ipo, Initial Public Offer) al New York Stock Exchange (NYSE). Il costruttore cinese ha presentato la documentazione necessaria per l’offerta pubblica iniziale alla commissione americana per la sicurezza della borsa, passo fondamentale per la quotazione. 

Gli obiettivi di Nio

Recentemente il produttore di Shanghai ha lanciato sul mercato il suo primo suv elettrico, venduto ad un prezzo di 448mila yuan, pari circa a 60mila euro. Ad aprile 2018, la start-up ha ricevuto un’importante iniezione di capitale da Tencent, colosso cinese del web e dei social network e principale azionista della società di Li che ha dichiarato: "Nio è un’azienda in salute, capace di soddisfare con le proprie disponibilità finanziarie gli obiettivi di produzione di massa preposti". 

L’obiettivo dell’Ipo è munire Nio di ulteriori fondi, necessari per competere nel settore delle auto elettriche. Le previsioni dicono che l’offerta pubblica iniziale frutterà al costruttore cinese oltre 2 miliardi di dollari.  

Secondo le stime di Bloomberg, solo nella prima metà del 2018, gli investitori americani hanno acquistato azioni di società cinesi per 3,8 miliardi di dollari, valore destinato a salire di molto nel prossimo futuro.

Tag

Nio  · Tencent  · Wall Street  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La giovane Casa cinese ha dovuto rinunciare (per ora) a costruire un impianto nella sua città natale. Nel 2018 ha perso oltre 1 miliardo di euro

· di Redazione

La start-up cinese si rivolge a 8 banche negli Stati Uniti per preparare la quotazione alla borsa di New York, prevista entro la fine dell'anno