Ultimo aggiornamento  21 aprile 2019 08:09

Cina, giù i dazi sulle auto.

Redazione ·

La Cina ha deciso di ridurre le tariffe sulle importazioni di auto. A partire dal 1 luglio i dazi sulle vetture scenderanno dal 25% al 15%. Anche per i componenti sono in arrivo novità: in questo caso la tassa verrà ridotta al 6%, mentre oggi oscilla tra l'8% e il 25%.  

La conferma è venuta direttamente dal ministro delle finanze cinese e fa seguito a una precisa promessa fatta dal presidente Xi Jinping il 10 aprile scorso al forum economico di Boao.

Segnali di distensione 

L'annuncio del governo di Pechino arriva a pochi giorni dal "cessate il fuoco" tra la Cina e gli Stati Uniti nella guerra dei dazi dopo mesi di parole molto dure. Donald Trump aveva sottolineato che gli Usa applicano da anni una tassa di solo il 2,5%, una "politica commerciale stupida". Ed era partito al contrattacco con la Cina, annunciando dazi pesantissimi su tante merci, che a sua volta aveva risposto sullo stesso piano.

Ora la decisione di Pechino dovrebbe avvantaggiare soprattutto quei costruttori che da soli (e non in joint venture) non hanno ancora fabbriche in Cina, come Bmw, Mercedes, Porsche, mentre l'impatto dovrebbe essere meno forte su marchi come Gm e Ford che hanno già linee di produzione nel Paese asiatico.

Grandi affari 

Nonostante i tassi svantaggiosi l'export del settore Usa verso la Cina è ancora in crescita. Nel 2017 - secondo lo US Census Bureau - il giro d'affari ha toccato i 10,5 miliardi di dollari, contro gli 8,3 miliardi dell'anno precedente. 

Tag

Cina  · Donald Trump  · USA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il presidente Usa twitta di "riduzione o rimozione" delle tariffe di Pechino sulle importazioni di vetture dagli Usa che oggi "sono al 40%". La borsa reagisce positivamente

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Le tasse doganali di Trump potrebbero mettere a rischio la crescita della Cina, spingendo il governo a ridurre le risorse destinate alle auto a batteria

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Elon Musk trova l'accordo: entro il 2020 nuovo stabilimento a Shanghai da 500mila veicoli all'anno per evitare anche i dazi di Pechino

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Le auto di secondo mano spopolano anche nel mercato più grande del mondo. Per molti anni i governi locali permettevano solo l’acquisto di vetture nuove

· di Giovanni Passi

Il presidente di Baic Xu Heyi teme che l’apertura ai costruttori internazionali costringerà molte Case a rivedere i propri piani. Tra il 2020 e il 2022 il momento critico

· di Paolo Borgognone

I provvedimenti protezionistici di Trump potrebbero costare caro alle esportazioni delle auto Usa in Cina. Le elettriche di Elon Musk quelle che rischiano di più

· di Colin Frisell

Il mondo automotive si schiera contro Trump e la sua politica protezionista. La Brexit tiene l'industria britannica ed europea col fiato sospeso