Ultimo aggiornamento  15 luglio 2019 21:56

Casalmaggiore apre alle social street.

Marina Fanara ·

"Riprendiamoci le strade e rendiamole di nuovo uno spazio aperto a tutti e non solo un luogo di attraversamento delle auto": è questo lo slogan della terza edizione di "La Città dei bambini" che si svolge a Casalmaggiore, cittadina lombarda nota per aver realizzato, la "Tangenziale dei bambini", un'infrastruttura per raggiungere le scuole della città completamente al riparo dal traffico.

Ripensiamo le città

L'appuntamento di quest'anno prevede un ricco calendario di eventi: i primi si sono svolti lo scorso fine settimana (da venerdì 11 a domenica 13 maggio), le altre iniziative sono fissate per il prossimo week end (dal 18 al 20 di questo mese), mentre la giornata conclusiva si svolgerà venerdì 25 maggio. "La filosofia di base", ci spiega Gian Carlo Simoni, responsabile del "Comitato Slow Town" che promuove il progetto, "si ispira a un concetto di rigenerazione urbana intesa come la necessità di rendere le strade di nuovo accoglienti, grazie alle Zone 30, a percorsi ciclopedonali e agli itinerari protetti casa-scuola".

Strade piene di gente

Il progetto ruota intorno alle esigenze delle fasce più vulnerabili della popolazione: i bambini, innanzitutto, ma anche anziani e disabili con una massiccia partecipazione delle cosiddette "botteghe di prossimità". L'idea, sottolinea Gian Carlo Simoni, "è coinvolgere tutta la società civile per migliorare la qualità della vita degli abitanti, che permetta alle fasce deboli di muoversi in sicurezza e ai negozi di prosperare". "Insomma", aggiunge il promotore, "dobbiamo fare in modo che le strade tornino a riempirsi di persone e diventare 'social street' e non solo dal punto di vista infrastrutturale, attraverso la creazione di piste ciclabili o aree pedonali, ma anche come luogo di contenuti sociali".

La riscossa delle botteghe 

Per contenuti si intendono tutte quelle iniziative in grado di consolidare le relazioni tra le persone e di farle vivere meglio: eventi culturali, concerti, cene a tema, cura del verde, decoro urbano, parchi giochi. "Insomma", specifica Simoni, "tutto quello che può attrarre la gente sulla strada e, nel nostro progetto, saranno anche i commercianti della zona ad offrire questi servizi di intrattenimento in modo che possano tornare ad essere un punto di riferimento per gli abitanti della zona, un ruolo perso con il proliferare dei grandi centri commerciali".

Mobilitazione generale

All'edizione 2018 di “La Città dei bambini” aderiscono 8 scuole, 25 associazioni del territorio e 160 negozi di prossimità riuniti nella Rete negozi amici. Tra gli eventi più significativi, c'è "Bimbi in bici", un appuntamento che si è svolto l'11 maggio scorso per sensibilizzare i piccoli ad andare a scuola pedalando. Da segnalare, inoltre, l'inaugurazione di "Passominuto": un itinerario protetto limitrofo alla città e di grande valore paesaggistico, da percorrere rigorosamente a piedi. Infine, venerdì 25 si svolgerà una manifestazione con gli istituti scolastici coinvolti nell'individuazione, e relativa mappatura, dei punti pericolosi lungo gli itinerari casa-scuola di tutto il territorio. 

Tag

Bambini  · Città  · Mobilità sostenibile  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La Fiab organizza due giornate dedicate ai più piccoli: il 21 marzo "Tutti a piedi e in bicicletta" e il 13 maggio appuntamento con "Bimbimbici"

· di Marina Fanara

Il progetto, realizzato a Casalmaggiore nel 2016, è una "best practice" in Italia e all'estero. Il prossimo obiettivo è la messa in sicurezza dei tragitti casa-scuola