Ultimo aggiornamento  19 novembre 2019 21:35

Bmw, una Serie 2 da pista.

Paolo Odinzoff ·

Andarci in strada o in pista? Il dubbio verrà sicuramente a chi si metterà alla guida della nuova Bmw M2 Competition: versione potenziata della celebre coupé di Monaco, destinata a debuttare davanti al pubblico sotto i riflettori del Salone di Pechino (25 aprile - 4 maggio).

Grintosa dall'aspetto, la nuova Serie 2 Competition è subito riconoscibile dalle sorelle di gamma per le prese d'aria sulla carrozzeria, soprattutto sul frontale, e per le vistose appendici aerodinamiche. Dotata di equipaggiamenti da racing, tra cui l'assetto irrigidito con una barra antirollio in fibra di carbonio presa in prestito dalla M4, sotto al cofano nasconde una versione potenziata del sei cilindri in linea TwinPower Turbo che sviluppa 410 cavalli di potenza e 550 newtonmetri di coppia.

Prestazioni da primato

Le prestazioni della nuova Serie 2 Competition sono da primato: scattando da 0 a 100 in soli 4,2 secondi la tedesca raggiunge i 250 chilometri orari limitati elettronicamente di velocità massima. Garantisce, inoltre, divertimento ed emozioni nella guida con la trazione rigorosamente posteriore, un cambio manuale a sei marce, oppure un automatico M Dct doppia frizione a sette rapporti offerto come optional, e il differenziale attivo associato a un'elettronica di controllo che prevede diversi gradi d'intervento.

Tag

BMW  · Salone di Pechino  · Serie 2 Competition  · 

Ti potrebbe interessare

· di Monica Secondino

In pista con Zanardi sulla nuova versione del modello tedesco più potente, dotato di trazione integrale. Il prezzo parte da 122.000 euro

· di Valerio Antonini

Il gruppo tedesco ha fatto registrare quasi 100 miliardi di euro di ricavi l'anno scorso, +4,1% rispetto all’anno precedente. Utile netto a 8 miliardi